Altro
    Altro
      HomeAttualitàIl Presidente della Fondazione Tiboni protesta con il Comune di Pescara per...

      Il Presidente della Fondazione Tiboni protesta con il Comune di Pescara per il Mediamuseum

      Pubblicato

      Mutuo le parole del romanzo di Italo Calvino, per provare a descrivere la sorpresa nell’avere appreso, ovviamente per caso, che il Comune di Pescara ha inserito l’ala est dell’ex  Tribunale nel Piano delle alienazioni 2022 (II aggiornamento), proposta di deliberazione che dovrebbe essere sottoposta all’approvazione del Consiglio comunale del 26.10.2022.
      Infatti, al n. 22 dell’elenco degli immobili locali è inserita “Porzione di fabbricato Piazza E. Alessandrini  – Porzione non occupata del fabbricato ex Tribunale” per un valore di € 2.834.000,00.
      Quindi il progetto di riqualificazione del Mediamuseum subirebbe, se approvata la delibera consiliare, un ridimensionamento che non era negli accordi intercorsi tra la Fondazione Tiboni e il Comune di Pescara.
      È stato sempre detto che il Mediamuseum è la casa naturale dei Premi Internazionali Flaiano e l’avere vinto il bando del Ministero dell‘Interno, che ha riconosciuto la valenza  del progetto predisposto per il Mediamuseum e la riqualificazione dell’antistante Piazza Emilio Alessandrini, ha consolidato questo aspetto non più ignorabile per importanza culturale. 
      Il Mediamuseum, in tutti questi anni, ha dimostrato la qualità della propria offerta culturale ed il progetto di oggi è quello di dotare la città di uno spazio polifunzionale in grado di riconnettere il territorio e divenire centro di aggregazione per la città di Pescara; ciò è quanto mai necessario, considerato lo stato di abbandono in cui versa Piazza Alessandrini, oltre ai necessari lavori per l‘ex Tribunale per recuperare uno spazio considerato da sempre centrale per la zona di Porta nuova.
      Alla valorizzazione degli spazi espositivi, interamente ripensati, integrati e rimodernati si aggiungeva, sempre nella “lettera di intenti” della Fondazione  fatta propria dal Comune per poter partecipare al bando del Ministero, anche la realizzazione di un nuovo spazio, una caffetteria e un book-shop che contribuissero a fare del museo un luogo da vivere anche al di là della semplice fruizione delle sale o dei corsi, gettando un ponte fra la sede museale e la città tutta intorno. Un format informale e divertente, un luogo d’incontro innovativo e sperimentale adatto a un pubblico trasversale, un ambiente di grande fascino dove potersi fermare per una riunione di lavoro, per studiare o semplicemente per mangiare qualcosa. 
      Oggi, senza coinvolgere la Fondazione, il Comune decide di dare un volto differente all’immobile.
      I luoghi di cultura non vanno soltanto ristrutturati e riqualificati, vanno pensati con razionalità ed utilità anche per la comunità. Sale,quindi, l’attesa per l’inizio dei lavori (finanziati dal Ministero) di cui non si ha ancora notizia in ordine di programma.
      Mi spiace constatare ancora, che gli enti culturali che fanno capo alla Fondazione ed ai Premi Internazionali Flaiano sono ignorati nei rapporti interistituzionali cittadini.

      Ultimi Articoli

      Pescara-Catanzaro, le formazioni ufficiali

      Pescara (4-3-2-1): Plizzari, Cancellotti, Brosco, Boben, Milani, Gyabuaa, Kraja, Mora, Cuppone, Tupta, Lescano. A...

      Voci di doppiatori nel tempo

      Pubblichiamo la fascinosa e articolata ricerca storica di un appassionato, Giovanni Mongelli, sulle voci...

      Montesilvano è da 40 anni senza un Piano urbano del traffico (obbligatorio)

      Pubblichiamo un intervento di Giuseppe Di Giampietro, architetto, progettista di strade ed esperto di...

      Corneli (Consorzio Rilancio Vestino): “Con la riforma del Superbonus, guadagna solo chi ha i soldi”

      Florio Corneli, presidente di Federmanager Abruzzo e Molise e del Consorzio Rilancio Vestino, che...

      Altre notizie

      Pescara-Catanzaro, le formazioni ufficiali

      Pescara (4-3-2-1): Plizzari, Cancellotti, Brosco, Boben, Milani, Gyabuaa, Kraja, Mora, Cuppone, Tupta, Lescano. A...

      Voci di doppiatori nel tempo

      Pubblichiamo la fascinosa e articolata ricerca storica di un appassionato, Giovanni Mongelli, sulle voci...

      Montesilvano è da 40 anni senza un Piano urbano del traffico (obbligatorio)

      Pubblichiamo un intervento di Giuseppe Di Giampietro, architetto, progettista di strade ed esperto di...