Altro
    HomeAttualitàIl rombo dei motori e la generosità dei donatori della Fidas. Applausi...

    Il rombo dei motori e la generosità dei donatori della Fidas. Applausi per la manifestazione ‘Metti in moto il dono’

    Pubblicato

    La donazione di sangue è uno dei gesti migliori che una persona possa compiere. La solidarietà, tra l’altro, cammina fianco a fianco con il volontariato: due fattori importanti nella vita sociale di Pescara. La Fidas è tra le associazioni più attive. Da registrare, a proposito, il successo, domenica scorsa, dell’evento “Metti in moto il dono”, organizzata da Fidas Pescara nel Piazzale della Repubblica, in collaborazione con il Motoclub cittadino. Il raduno di motoveicoli storici e d’epoca, che ha invaso la città con un’allegra carovana, rientra nel tour nazionale Fidas che in questi giorni sta unendo l’Italia nella promozione del dono del sangue.
    Centinaia gli appassionati delle due ruote che hanno partecipato, molti dei quali donatori di sangue Fidas. E così per le vie del centro hanno sfilato gioielli di un tempo passato come Ducati, Vespa, Moto Guzzi, Triumph, anche motocarrozzette. A chiudere il corteo, le biciclette del gruppo ciclistico dell’associazione. Per tutti, gadget e pettorine Fidas, per portare in sella il messaggio solidaristico che da sempre contraddistingue l’associazione pescarese.
    “Giornate come questa sono dedicate agli appassionati, ma anche ai cittadini e ai tanti bambini che vi hanno preso parte”, afferma Anna Di Carlo, presidente di Fidas Pescara e Abruzzo, “rappresentano un momento di svago e nello stesso tempo accendono i riflettori su una necessità che non si ferma mai, quella della donazione di sangue. Un gesto di civiltà gratuito e altruistico che consente di salvare ogni giorno vite umane”.
    In estate si registrano cali nella raccolta di sangue e plasma, e il moto tour firmato Fidas pone l’accento su questo fattore e nello stesso tempo fa un appello al generoso popolo delle due ruote, e non solo, ad avvicinarsi alla donazione di sangue.
    “Chiamateci al numero 085/298244 per informazioni o per prenotare direttamente la vostra donazione”, conclude Di Carlo, “è un gesto che fa bene agli altri e a sé stessi. Non viviamo isolati, siamo tutti nella stessa barca e dobbiamo remare insieme”.
    L’evento pescarese, che è stato patrocinato dal Comune, non ha solo messo in moto la solidarietà ma ha anche valorizzato il patrimonio collezionistico dei motoveicoli storici e d’epoca. Il calendario del tour vedrà protagoniste altre città italiane, da nord a sud. Fidas Pescara, da sempre attiva nel Centro Trasfusionale, è presente anche sui principali social network.

    Le moto d’epoca che hanno partecipato alla manifestazione dei donatori di sangue della Fidas

    Anna Di Carlo: Donare significa salvare vite

    Ultimi Articoli

    Fabrizio Rapposelli su Commissione per situazione energetica scuole cittadine

    “Scatta il Piano di interventi per la riqualificazione energetica di tutte le scuole cittadine...

    GARANTE PER I DIRITTI LGBTQ+, IL CENTRODESTRA BOCCIA LA PROPOSTA

    M5S: “Ennesima dimostrazione di indifferenza sul tema dei diritti civili” Come già anticipato nella giornata...

    Bollette salate, la Cna: «A rischio il nostro pane quotidiano»

    Allarme dei panificatori: prezzi alle stelle dell’energia, rischiano in molti senza misure urgenti Dacci oggi...

    Musica in fiera a Pescara

    Festa delle note per due giorni all’Aurum Musica in fiera, alla seconda edizione, è già...

    Altre notizie

    Fabrizio Rapposelli su Commissione per situazione energetica scuole cittadine

    “Scatta il Piano di interventi per la riqualificazione energetica di tutte le scuole cittadine...

    GARANTE PER I DIRITTI LGBTQ+, IL CENTRODESTRA BOCCIA LA PROPOSTA

    M5S: “Ennesima dimostrazione di indifferenza sul tema dei diritti civili” Come già anticipato nella giornata...

    Bollette salate, la Cna: «A rischio il nostro pane quotidiano»

    Allarme dei panificatori: prezzi alle stelle dell’energia, rischiano in molti senza misure urgenti Dacci oggi...