Altro
    Altro
      HomeAttualitàTassisti & Liberisti

      Tassisti & Liberisti

      Pubblicato

      Le posizioni da tempo espresse dai tassisti italiani (ma lo stesso si potrebbe dire dei balneatori) contro la direttiva Bolkestein e – più nello specifico – verso qualunque iniziativa tesa a favorire la libera concorrenza e l’apertura dei mercati, difficilmente potrebbero suscitare le simpatie di chi ispira la propria azione politica al liberismo ed a tutte le altre declinazioni della dottrina che John Locke ha iniziato a diffondere a partire dalla fine del 1600.
      Probabilmente è con questo spirito che Matteo Hallissey, segretario di Radicali Italiani, ha pensato bene di presentarsi ieri, nel bel mezzo della manifestazione organizzata dai tassisti italiani contro il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, indossando una maglietta con su scritto “Fermiamo le lobby, liberalizziamo”.
      E’ andata come ci si poteva attendere, anzi forse meglio: il giovane esponente radicale ha incassato qualche spintone ed è finito lungo a terra.
      Per carità, nessuna giustificazione per chi adopera le mani per argomentare. Tuttavia, un paio di cose vanno aggiunge.
      La prima riguarda il metodo.
      I radicali sono i paladini della pratica nonviolenta e della legalità e dovrebbero sapere – Hallissey certamente sa – che se avessero preavvisato le autorità, con ogni probabilità la controiniziativa radicale non sarebbe stata consentita. Quantomeno, non in concomitanza e coincidenza di luogo con quella, già in programma, dei tassisti.
      Sul merito, poi, a me pare che il leader di Radicali Italiani abbia sbagliato destinatario.
      Al pari di Hallissey, ritengo inaccettabili i privilegi di cui alcune categorie, i tassisti son solo un esempio, godono.
      Ma che i diretti interessati manifestino per difendere i loro diritti, sembra perfino banale. Strano sarebbe piuttosto il contrario.
      Quello che è invece davvero scandaloso e che merita più di una provocazione in piazza, è che nei diciotto anni che sono trascorsi dalla emanazione della direttiva Bolkestein non vi sia stato un esecutivo capace di prendere di petto la questione: di affrontare queste lobby (a proposito, ma saranno davvero così potenti tassisti e balneatori?) e di dare attuazione al provvedimento emanato dal Parlamento Europeo.
      La direttiva Bolkestein è diventata maggiorenne ma il tempo di vederla recepita in pieno non sembra essere ancora arrivato.
      Alessio Di Carlo

      Ultimi Articoli

      FINISSAGE Ludovica Anversa, AUTOTOMIA Sabato 15 giugno, ore 11, Fondazione La Rocca

      Fondazione La Rocca, sabato 15 giugno alle ore 11, invita il pubblico al finissage...

      BASKET, LIBERTAS LIVORNO IN SERIE A2

      Dieci mesi di lavoro duro, di dedizione, sofferenza, sacrificio. Ma alla fine è arrivata...

      PARMA, NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI PER LA LEUCEMIA MIELOIDE ACUTA

      Parma, 13 giugno 2024 – L’identificazione di nuovi approcci terapeutici per la leucemia mieloide acuta è...

      Termini Imerese, incontro sul futuro dell’ex stabilimento Fiat: assessore Albano replica al sindaco Terranova

      «Dispiace leggere le dichiarazioni del sindaco di Termini Imerese che tendono a sconfessare l'operato...

      Altre notizie

      FINISSAGE Ludovica Anversa, AUTOTOMIA Sabato 15 giugno, ore 11, Fondazione La Rocca

      Fondazione La Rocca, sabato 15 giugno alle ore 11, invita il pubblico al finissage...

      BASKET, LIBERTAS LIVORNO IN SERIE A2

      Dieci mesi di lavoro duro, di dedizione, sofferenza, sacrificio. Ma alla fine è arrivata...

      PARMA, NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI PER LA LEUCEMIA MIELOIDE ACUTA

      Parma, 13 giugno 2024 – L’identificazione di nuovi approcci terapeutici per la leucemia mieloide acuta è...