Altro
    Altro
      HomeCulturaA VASTO LA PRIMA PERSONALE DI LUIGI GRANDONI

      A VASTO LA PRIMA PERSONALE DI LUIGI GRANDONI

      Pubblicato

      In mostra dal 22 al 29 agosto, nella sala Mattioli di corso De Parma, ventuno opere del pittore abruzzese che ha lanciato l’Arte Scontata

      Ventuno opere del pittore abruzzese Luigi Grandoni in mostra a Vasto, dal 22 al 29 agosto prossimi, nella sala Mattioli di corso De Parma. Il percorso espositivo è un viaggio alla scoperta dell’intensa produzione dell’artista, che ha recentemente inaugurato una nuova corrente pittorica, quella dell’Arte Scontata,  caratterizzata da una sorta di sarcastico ed autoironico invito, rivolto a se stessi e più in generale al mondo dell’arte, a non prendersi troppo sul serio.

      Luigi Grandoni, nato a Pescara nel 1955 e da molti anni residente a Chieti, è alla sua prima personale. In precedenza ha preso parte a varie collettive, tra le quali la Triennale di Arti Figurative che si è tenuta nella Galleria Santa Maria dei Miracoli di Roma (2022), l’esposizione ospitata dalla manifestazione artistica Zoo Art ad Ortona (2019, 2020, 2021, 2022) e la mostra allestita nella sede della Camera di Commercio di Chieti (2020, 2021).

      A Vasto sarà proposta un’accurata selezione delle sue opere, realizzate con olio e acrilico su tela, e connotate da una chiara inclinazione verso l’astrattismo e in particolare verso la pop art. Al centro dei suoi quadri, che si traducono in autentiche esplosioni di colori, soggetti di diversa natura:  persone, momenti, oggetti, luoghi ed emozioni, che restituiscono lampi di contemporaneità e stimolano riflessioni sulle tematiche sociali più spinose e attuali.

      Grandoni, attraverso i suoi dipinti, si interroga e ci interroga, con sguardo laterale e perennemente aperto al dubbio, sulle molteplici implicazioni di un’epoca sempre più complessa e inafferrabile: spazia dai temi dell’eterna ed irrisolta ricerca dell’origine umana alle tragedie collettive dei migranti in fuga, per arrivare agli imperscrutabili e labirintici percorsi della mente o alle caleidoscopiche visioni della realtà virtuale.

      Proprio la realtà virtuale è al centro di una delle opere più significative in mostra a Vasto, il cui titolo è “Da Vitruvio al Metaverso” (acrilico su tela, cm. 140×200): attraverso questo dipinto l’artista, partendo dai tempi dell’Umanesimo, affronta un viaggio a cavallo tra antichità e contemporaneità, tra fantascienza e realtà, tra cultura e sub-culture, finendo per approdare in uno porto sterminato, affascinante e misterioso, chiamato Metaverso.

      Sarà possibile visitare la mostra tutte le sere, dalle 21 alle 24, con ingresso gratuito.

      Ultimi Articoli

      L’ABRUZZO DEI POETI PER LA GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO UNESCO 2024

      Un libro, una poesia. I poeti ricordano i poeti. Martedì 23 aprile, ore 17.00, presso...

       MOSTRA D’ARTE “I CAPRICCI” DI FRANCISCO GOYA A PESCARA

      L'annuncio con una lettera di Augusto Di Luzio Carissime amiche, carissimi amici, le attività espositive della...

      Armando Foschi su interrogazione su piazza Le Laudi

      “Torna in Consiglio comunale il giallo della barriera di fioriere e vasi che dopo...

      Alto Vastese, la Asl in cerca di ambulatori per assistenza primaria

      E’ stata giornata di sopralluoghi, ieri, in alcuni comuni dell’Alto Vastese per la ricerca...

      Altre notizie

      L’ABRUZZO DEI POETI PER LA GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO UNESCO 2024

      Un libro, una poesia. I poeti ricordano i poeti. Martedì 23 aprile, ore 17.00, presso...

       MOSTRA D’ARTE “I CAPRICCI” DI FRANCISCO GOYA A PESCARA

      L'annuncio con una lettera di Augusto Di Luzio Carissime amiche, carissimi amici, le attività espositive della...

      Armando Foschi su interrogazione su piazza Le Laudi

      “Torna in Consiglio comunale il giallo della barriera di fioriere e vasi che dopo...