Al via domani la Rassegna CinemAmbiente 2023 nel Cineteatro Massimo a Pescara

0
100

Mercoledì 8 marzo alle ore 20:45 al Cineteatro Massimo di Pescara, avrà inizio la Rassegna CinemAmbiente 2023. Il progetto è promosso e organizzato dalla Fondazione Pescarabruzzo, dall’associazione Scuola, Cultura ed Arte “Fulvio Luciani” (AsSCA) e dal Pescara Cityplex impegnati a far conoscere e divulgare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, per controllare e combattere i cambiamenti climatici e facilitare il raggiungimento dei suoi obiettivi entro il 2030. L’iniziativa è patrocinata dalla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile e dall’Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara.

La selezione di film sulla sostenibilità ambientale scelti per la rassegna CinemAmbiente sono:

8 MARZO ore 20:45

Just eat it. A food waste story – Mangialo e basta. Una storia di spreco alimentare

(Canada, 2014, 75’, presentato al festival CinemAmbiente di Torino nel 2018).

Il documentario narra l’esperimento di una coppia canadese che si nutre di cibo raccolto nella spazzatura e in contenitori con cibo da eliminare presso supermercati: confezioni scadute o vicino alla scadenza, danneggiate, etichette non correttamente, etc. Sopravviveranno? Uno sguardo divertito e divertente per trattare un serio argomento. Un esperimento per denunciare lo spreco di cibo, che finisce in discarica per il 40% determinando un grave problema ambientale, economico e morale.

Il film è coerente in particolare con gli obiettivi 11 e 12 dell’Agenda 2030 e viene proposto per la Giornata Nazionale Contro lo spreco alimentare, 5 febbraio.

29 MARZO ore 20:45

The great green wall – Grande muraglia verde

(Gran Bretagna, 2019, 92’, presentato al Festival CinemAmbiente 2020)

Documentario che vibra di speranza, l’Africa Dream che si fa musica e immagine. Grazie a un produttore da sempre attento alla causa ambientale e alla passione della musicista maliana Inna Mofija, diviene una realtà vivibile il sogno della muraglia verde, progetto avviato fin dal 2009 dall’Unione Panafricana e oggi sostenuto anche dalle Nazioni Unite e dalla Banca Mondiale. Un Muro di alberi, da Dakar a Gibuti, un muro opposto ad ogni altro perché fatto di realtà viva, come è un albero: una barriera contro la carestia, la desertificazione, i mutamenti climatici.

Il film, che ha ottenuto più di 50 premi in giro per il mondo, è coerente in particolare con gli obiettivi 11, 13 e 15 e viene proposto in occasione della Giornata internazionale della foresta, 21 marzo.

26 APRILE ore 20:45

Legacy – Eredità

(Francia, 100’, Premio speciale Movies Save the Planet al Festival CinemaAmbiente 2020)

Dodici anni dopo il suo primo film rivelazione Home, il fotografo Yann Arthus-Bertrand mostra un pianeta sempre più sofferente: l’umanità disorientata ha mentito a sé stessa per decenni, incapace e non disposta a prendere sul serio la minaccia che sta affrontando. Oggi nessuno può ignorare la catastrofe ecologica in corso. Nella sua ricerca di trasformare, dominare, deviare l’energia, l’essere umano ha alterato l’ordine naturale delle cose. È in gioco la stessa sopravvivenza sulla terra e ne siamo tutti responsabili.

Yann Arthus-Bertrand ci offre la sua eredità, che è ancora la nostra. Legacy ci fornisce le ragioni e il coraggio per affrontare questa verità.

Il film è coerente in particolare con gli obiettivi 3,12,13 e 15 dell’agenda 2030 e viene proposto in occasione della giornata Mondiale della Terra – Earth-day, 22 aprile.

3 MAGGIO ore 20:45

Intrecci etici – La rivoluzione della moda sostenibile in Italia

(Italia, 56’, presentato al Festival CinemAmbiente 2021)

La moda è una delle industrie più inquinanti al mondo ed è un problema collettivo. A questo settore si attribuisce il 20% dello spreco globale di acqua, alte emissioni di CO2 e non solo, l’85% dei vestiti finisce in discarica, mentre solo l’1% viene riciclato. Per non parlare dei prezzi bassi del Fast Fashion, dietro i quali si nascondono salari non equi e la mancanza di regolamentazioni a tutela dei lavoratori. Attraverso numerose testimonianze, il documentario racconta come in Italia sia in atto una rivoluzione per rendere il settore moda più sostenibile ed etico, a partire da un cambio delle strategie produttive. Una trasformazione totale di paradigma che coinvolge in primis ognuno di noi, in quanto consumatori, nelle nostre scelte quotidiane.

Il film è coerente in particolare con l’obiettivo 12 dell’Agenda 2030 su consumo e produzione responsabili.

Ogni film sarà preceduto da un breve dibattito sulla tematica della serata. Per gli studenti sono aperte le prenotazioni alle matinée a loro dedicate scrivendo all’indirizzo: info@pescaracityplex.it.

Biglietto d’ingresso € 3.

Il presente comunicato è disponibile anche sul sito web:

https://www.fondazionepescarabruzzo.it/index.php/archivio-comunicati/comunicati-2023