Altro
    Altro
      HomeCulturaConvegno internazionale “Le Disobbedienti”

      Convegno internazionale “Le Disobbedienti”

      Pubblicato

      Chieti -13 giugno 2024, ore 14:30 – Pescara – 14 giugno 2024, ore 9:00

      Le Disobbedienti” è il tema del Convegno internazionale che si terrà giovedì 13 giugno, alle 14.30 nell’Aula Multimediale del Rettorato, a Chieti, e venerdì 14 giugno, alle 9.00 in Aula 31, nel Campus di Pescara dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. L’evento è stato organizzato dalla professoressa Stefania Achella, docente di Storia della filosofia, dalla professoressa Mariaconcetta Costantini, docente di Letteratura inglese, e dalla dottoressa Valentina Sturli, ricercatrice di Letterature comparate. Il convegno è nato su iniziativa del gruppo di ricerca “L&GEND Letteratura e identità di genere” (https://www.unich.it/legend) – coordinato dalla professoressa Mariaconcetta Costantini – che riunisce studiose e studiosi appartenenti a molteplici istituzioni di ricerca italiane e straniere, e attraverso l’indagine nell’ambito delle scienze umane, con particolare riferimento a letteratura e filosofia, mira a sondare le origini, le declinazioni, le evoluzioni e le dinamiche dell’identità di genere e le sue implicazioni socio-culturali dall’età moderna a quella contemporanea. Il convegno, in particolare, avrà come focus le forme di disobbedienza, resistenza e autoaffermazione femminile sia sul piano letterario che filosofico, e vedrà la partecipazione di studiose e studiosi provenienti dall’Italia e dall’estero, nonché delle scrittrici Rosaria Guerra e Laura Pariani. Patrocinato dal Comitato Unico di Garanzia della “d’Annunzio”, dal Centro Studi Strategie di Genere, dal Centro Studi Joyce Lussu, dal PRIN PNRR2022 Panic, e dal PRIN Femhab, l’evento è organizzato con il sostegno del Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne, del Dipartimento di Scienze Filosofiche, Pedagogiche ed Economico-Quantitative e del Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali dell’Ateneo.

      Oggi come non mai – afferma la professoressa Mariaconcetta Costantini –, in una società attraversata da profondi conflitti, e in cui la libertà di autodeterminazione e di espressione degli individui di genere femminile viene posta più o meno velatamente sotto attacco (si pensi all’altissimo numero di femminicidi che si verificano in Italia), è fondamentale non solo tenere alta l’attenzione su questioni che riguardano l’identità di genere, ma anche promuovere un tipo di ricerca consapevole delle radici storiche e culturali del presente, nella speranza di consegnare alle nuove generazioni una prospettiva più autodeterminante e più libera sul futuro. In quest’ottica, resta di fondamentale importanza valorizzare la voce e la presenza delle donne, ancora per molti versi minoritaria, all’interno degli studi e delle istituzioni accademiche”.

      Ultimi Articoli

      Fine vita, una campagna senza fine

      di Riccardo Varveri Non c’è fine per...

      RISSA ALLA CAMERA, ARRIVANO I PROVVEDIMENTI. INTANTO IL PREMIERATO PASSA A L SENATO. MARTEDì IL VOTO FINALE

      L’Ufficio di presidenza della Camera ha sospeso i deputati coinvolti nella rissa scoppiata in...

      Il voto alle europee analizzato per immagini

      Proponiamo ai nostri lettori una disamina dei dati emersi dalle recentissime consultazioni elettorali per...

      Altre notizie

      Fine vita, una campagna senza fine

      di Riccardo Varveri Non c’è fine per...

      RISSA ALLA CAMERA, ARRIVANO I PROVVEDIMENTI. INTANTO IL PREMIERATO PASSA A L SENATO. MARTEDì IL VOTO FINALE

      L’Ufficio di presidenza della Camera ha sospeso i deputati coinvolti nella rissa scoppiata in...