Altro
    Altro
      HomeEconomiaCCIAA Mantova: i dati Import-Export del I Trimestre 2024

      CCIAA Mantova: i dati Import-Export del I Trimestre 2024

      Pubblicato

      La dinamica delle esportazioni nel primo trimestre 2024 è caratterizzata da un rallentamento degli scambi internazionali. I primi mesi dell’anno vedono, infatti, una diminuzione delle esportazioni mantovane del -5,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Dai dati di fonte Istat, elaborati dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio e dal Centro Studi di Confindustria Mantova, con la collaborazione del Consorzio Mantova Export, risulta che a inizio 2024 le esportazioni ammontano a circa 2 MLD di euro, contro un valore di import pari a 1,8 MLD di euro, anch’esso in riduzione rispetto al 2023 del -1,1%. Il saldo commerciale si mantiene positivo, ammontando a quasi 203 MLN di euro. 

      Anche le esportazioni in Lombardia e in Italia vedono segno meno, pari rispettivamente al -3,4% e al -2,8%. Nel panorama regionale Mantova si colloca in ottava posizione, seguita da Bergamo, Lecco, Cremona e Brescia; ai vertici troviamo invece Lodi, Pavia e Varese, uniche province con segno positivo. 

      Considerando i principali comparti esportatori, si segnalano valori positivi per gli articoli di abbigliamento (+1,2%), i mezzi di trasporto (+29,5%) e gli articoli in pelle (+8,7%). Al contrario, nel primo trimestre 2024 hanno registrato un calo i prodotti in metallo (-14,9%), i macchinari (-7,3%), i prodotti alimentari (-4,5%), le sostanze e prodotti chimici (-5,6%), gli articoli in gomma e materie plastiche (-4,1%), i prodotti delle altre attività manifatturiere (-0,9%), gli apparecchi elettrici (-5,5%), i prodotti in legno e carta (-5,9%) e i prodotti tessili (-4,4%).

      Sul fronte delle importazioni emergono variazioni positive per i mezzi di trasporto (+24,1%), i prodotti petroliferi (+7,1%), i prodotti dell’agricoltura (+5,7%), gli apparecchi elettrici (+47,3%) e i prodotti delle altre industrie manifatturiere (+2,5%). Performance negative, al contrario, per i prodotti in metallo (-13%), le sostanze e i prodotti chimici (-21,9%), i macchinari (-1,1%), gli articoli di abbigliamento (-4,8%), gli articoli in gomma e materie plastiche (-6,2%), i prodotti in legno e carta (-13,8%), gli apparecchi elettronici e ottici (-28,4%) e i prodotti tessili (-12%). Stabili i prodotti alimentari.

      L’analisi dell’andamento delle esportazioni della provincia di Mantova per paesi di sbocco evidenzia una generale contrazione verso i principali partners europei: Germania (-10,5%), Francia (-13%), Polonia (-4,7%), Paesi Bassi (-22,3%), Austria (-4,2%), Belgio (-20,4%), Ungheria (-4,5%) e Repubblica Ceca (-20,5). Variazione negativa anche per Stati Uniti (-20,9%) e Turchia (-15,1%). Aumenti si hanno invece per Spagna (+3%), Regno Unito (+21,2%) e Svizzera (+16,9%).

      Le importazioni vedono una ripresa da parte di Germania (+6,1%), Regno Unito (+8%), Cina (+1,4%), Ungheria (21,8%) e Austria (+7,9%). Da sottolineare anche una consistente crescita delle importazioni da Turchia, Giappone e India. Segno meno invece per le importazioni da Arabia Saudita (-19,7%), Francia (-16,1%), Corea del Sud (-4,3%), Spagna (-15%), Paesi Bassi (-12,9%), Belgio (-20%) e Polonia (-5,9%). Cali importanti anche per il Vietnam.

      I dati di inizio anno quindi mostrano un andamento simile a quello che è stato l’andamento dell’export italiano per quasi tutto il corso del 2023, all’interno di un quadro internazionale caratterizzato da una fase di estrema debolezza del commercio mondiale. A influire su questo risultato è l’andamento dei principali settori dell’economia mantovana come i prodotti in metallo, i macchinari, i prodotti alimentari e le sostanze e i prodotti chimici. Certo rimane difficile dire cosa succederà nel corso del 2024, soprattutto a causa dell’instabile situazione geo-politica, con i fronti di guerra ancora aperti Russia-Ucraina e quello israelo-palestinese. Le ultime stime del World Economic Outlook vedono per il commercio internazionale, dopo il drastico calo che ha caratterizzato il 2023, una nuova ripresa per il biennio 2024-2025. Nonostante il rallentamento che quindi stiamo vedendo resta comunque importante per le imprese del nostro territorio continuare a puntare sugli scambi internazionale cercando di diversificare il più possibile i mercati di sbocco. 

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...