POSTE: LASCO, CON POLIS SIAMO AZIENDA DI SISTEMACON SERVIZI DIGITALI IN OGNI ANGOLO D’ITALIA

0
139

Il Condirettore Generale al TGPoste: 25.000 neoassunti

Poste Italiane rafforza la sua vocazione di azienda di sistema e la realizzazione di Polis in 7.000 piccoli Comuni ne conferma il ruolo di infrastruttura insostituibile per il Paese. A due giorni dalla presentazione del progetto Polis, alla presenza delle massime cariche dello Stato, tra i quali il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente del Senato Ignazio La Russa, il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e dieci Ministri, oltre a 5.000 Sindaci dei Comuni con meno di 15.000 abitanti destinatari dell’iniziativa, il Condirettore Generale Giuseppe Lasco ha tracciato un primo bilancio dell’attività messa in campo da Poste Italiane.

I nostri servizi – ha spiegato in un’intervista al TGPoste – hanno una funzione sociale e vogliamo essere presenti in ogni angolo dell’Italia”. “Siamo un’azienda di mercato – ha continuato – ma abbiamo la capacità e la forza di lavorare per il sistema Paese. La presenza delle più alte cariche dello Stato è la conferma di ciò che sto dicendo. Con Polis – ha chiarito il Condirettore di Poste Italiane – abbiamo mantenuto una promessa che abbiamo fatto quattro anni fa, quando abbiamo deciso di non abbandonare ma di investire sui centri più piccoli. Polis è la continuità della relazione che ci lega allo Stato. Abbiamo uffici postali anche in comuni con 40 abitanti” ha sottolineato. “Dove il sistema finanziario va verso le grandi città – ha quindi osservato Lasco – noi rimaniamo nei piccoli centri come avamposto dello Stato con la voglia di continuare a essere presenti”.

Il Progetto Polis porterà in 7.000 uffici postali dei comuni con meno di 15.000 abitanti uno Sportello Unico che renderà semplice e veloce l’accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione su tutto il territorio nazionale. “I primi 40 uffici Polis sono già stati realizzati a tempo di record”, ha chiosato Lasco. “Il personale è pronto. Negli ultimi anni – ha concluso – abbiamo assunto 25.000 nuovi ragazzi e ragazze mettendo in atto un grande ricambio generazionale. Ogni anno eroghiamo 5 milioni di ore di formazione, e quest’anno abbiamo previsto un 20% in più per i colleghi degli uffici postali. Il Progetto Polis integra il processo di transizione digitale che stiamo portando avanti”.