L’Alzavola e il Mestolone tra l’Abruzzo e le Marche

0
458

di Paolo De Carolis

Il fotografo naturalista, Piero Troiano, ha immortalato, nei giorni scorsi, con la sua raffinata arte fotografica, due specie migratorie particolarmente fascinose come l’alzavola e il mestolone. Anatidi che, nei periodi primaverili e autunnali, si trovano abbastanza facilmente nei nostri ambienti lacustri e fluviali. Stavolta il fortunato incontro è avvenuto nella riserva naturale Sentina. Si tratta della più piccola area protetta marchigiana, un paesaggio di acqua e sabbia che si sviluppa per circa 180 ettari all’interno del Comune di San Benedetto del Tronto, tra l’abitato di Porto d’Ascoli a Nord e il fiume Tronto a Sud. Un’importante area preposta alla tutela dell’avifauna migratoria, che trova nella Riserva l’unica possibilità di sosta costiera tra le aree umide del delta del Po e del Gargano.

Il Mestolone
Ordine: Anseriformes

Famiglia: Anatidae

Il Mestolone è una piccola anatra di una quarantina di cm, riconoscibile, oltre che per i colori accesi, per il becco a spatola. Il Mestolone nidifica nell’Europa settentrionale e centro-orientale, il piumaggio del maschio nella stagione degli amori è variopinto e attraente: ha testa verde bottiglia, petto bianco, fianchi nocciola, piume inferiori e coda nera; la parte superiore delle ali è di un brillante blu zaffiro. Meno variopinta come sempre la femmina, che possiede un piumaggio bruno con striature chiare, simile a quello del Germano reale. Il rituale di corteggiamento del maschio è molto elaborato, e si protrae sia a terra che in acqua: si possono osservare fino a una dozzina di maschi che si contendono le attenzioni della stessa femmina.

Alzavola
Ordine: Anseriformes

Famiglia: Anatidae
L’Alzavola appartiene al gruppo delle anatre di superficie, capaci di procurarsi il cibo senza immergersi completamente. Tra queste, con i suoi 35 centimetri di lunghezza, è la rappresentante più piccola. Presente alle latitudini medie della zona paleartica – che va dall’Europa all’Africa settentrionale, fino all’Asia a nord dell’Himalaya – l’areale della specie copre porzioni molto vaste e assortite di territorio: dalla tundra al margine della fascia desertica.
Placida e di corporatura grassottella, l’Alzavola è un’anatra dal piumaggio estremamente variegato e scintillante, che rivela la sua vera natura a contatto con l’acqua, dove si dimostra agile e veloce. Il suo mondo sono infatti gli stagni, le lagune e i corsi d’acqua a lento scorrimento. Chiassosa in compagnia dei suoi simili, diventa timida e silenziosa in presenza dell’uomo, che schiva nascondendosi tra i canneti che circondano gli specchi d’acqua. Qui, nel periodo della nidificazione, la femmina dedica tutte le sue attenzioni alla covata…
da uccellidaproteggere.it