Salvaguardia della trota mediterranea, al Parco Nazionale della Maiella entra in attività l’incubatoio ittico STREAMS

0
56

Traslocate mille uova di trota nativa fecondate: la specie sarà reimmessa nei siti del Parco

Grazie al progetto europeo LIFE STREAMS nei bacini fluviali abruzzesi proseguono le attività di conservazione e tutela del salmonide endemico a severo rischio di estinzione

Entra in piena attività l’incubatoio ittico STREAMS, tassello fondamentale nella salvaguardia della trota mediterranea. L’incubatoio ittico rientra tra le azioni del progetto europeo Life Streams a supporto della riproduzione della trota nativa dei bacini fluviali del Parco Nazionale della Maiella, che guida il progetto cofinanziato dal Programma LIFE dell’Unione Europea e che vede tra i partner anche Legambiente ISPRA. 

La struttura – realizzata in legno a secco per minimizzare il più possibile l’impatto ambientale – è stata inaugurata lo scorso 16 dicembre nel cuore del Giardino Botanico “D. Brescia” nel Comune di Sant’Eufemia a Maiella (Pescara) e da oggi entra in funzione: sono state traslocate 1.000 uova di trota nativa fecondate e prossime alla schiusa, provenienti dal Centro Ittiogenico Sperimentale e di Idrobiologia della Regione Abruzzo, uova che presto diverranno avannotti e trotelle pronti per essere reimmessi nei siti STREAMS, segnando un significativo passo avanti nella tutela e nella conservazione della biodiversità del Parco.

Dal CISI dell’Aquila provengono, inoltre, anche le altre 1.000 uova embrionate che, mediante la tecnica delle scatole Vibert, sono state seminate in alcuni corsi d’acqua del Parco Nazionale della Maiella.

“Grazie al progetto europeo LIFE STREAMS – ha dichiarato il Direttore F.F. Dott. Luciano Di Martino – proseguono senza sosta le attività che permetteranno riportare la trota mediterranea nei nostri fiumi, una specie quasi scomparsa da gran parte suoi habitat naturali.”

“Inquinamento, captazioni idriche, dighe, briglie e ripopolamenti con specie estranee costituiscono le principali minacce che incombono sulla trota mediterranea – prosegue il biologo Dott. Marco Carafa referente tecnico del progetto per il Parco Maiella. Dopo le eradicazioni delle trote alloctone, appartenenti al ceppo atlantico, siamo pronti con le azioni di conservazione previste dal progetto, alle quali ora si aggiunge il prezioso contributo dell’incubatoio STREAMS”.

Il progetto Life Streams mira al recupero e alla conservazione delle popolazioni di trota mediterranea, salmonide endemico dell’area mediterranea protetto dalla direttiva Habitat.

Il progetto è cofinanziato dalla Commissione Europea tramite il Programma LIFE e vede tra i partner il Parco Nazionale della Maiella (capofila), l’Agenzia Forestale Regionale per lo sviluppo del territorio e dell’ambiente in Sardegna – FoReSTAS, ISPRA, Legambiente, Noesis snc, l’Ente Parco di Montemarcello-Magra-Vara, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il Parco Nazionale del Pollino, l’Università degli Studi di Perugia.