Ivo Petrelli su Commissione per Progetto Verde in corso Umberto-piazza Sacro Cuore

0
252

“Novanta alberi ad alto fusto lungo i due lati di corso Umberto, 47 alberi sul lato nord di piazza Sacro Cuore e altri 47 sul lato sud, oltre a siepi e arbusti disseminati su tutte le aiuole, alternate a panchine e a fontane con giochi d’acqua: cambierà completamente il volto dell’asse centrale commerciale di Pescara il progetto messo in cantiere dalla giunta Masci e che, superato l’esame della Sovrintendenza proprio in riferimento all’inserimento del Verde, è in attesa del nulla osta finale per quanto riguarda il rifacimento della pavimentazione. Un progetto ambizioso che dovrà in qualche modo proseguire anche con la riqualificazione di piazza della Rinascita”. Lo ha annunciato il Presidente della Commissione Ambiente Ivo Petrelli ufficializzando l’esito della seduta della Commissione Ambiente che ha visto la presenza del Dirigente del Settore Verde-Lavori pubblici Fabrizio Trisi per illustrare il progetto di riqualificazione dell’asse corso Umberto-piazza Sacro Cuore.

“Siamo evidentemente tutti d’accordo sulla necessità di intervenire sulla riqualificazione di una fetta importante del centro commerciale naturale di Pescara per restituire colore, vivacità e vivibilità al cuore della città – ha detto il Presidente Petrelli – e il progetto messo in cantiere dall’amministrazione mira a garantire tali esigenze, abbinando il rifacimento totale della pavimentazione, disconnessa in vari punti per la particolare tipologia di piastrella scelta molti anni fa, all’inserimento del Verde in modo imponente, con ben 184 alberi ad alto fusto, di sei diverse tipologie, tra cui tre sempreverdi, avviando una sorta di forestazione e trasformando lo stesso corso Umberto in un viale alberato, oltre che restituendo decoro alla stessa piazza Sacro Cuore. Come descritto dall’architetto Trisi, sui due lati di corso Umberto verranno realizzate due file di alberi ad alto fusto, 90 piante in tutto, alternati nel numero di 3 o 2 insieme; gli altri 94 alberi saranno spalmati sui due lati di piazza Sacro Cuore, e parliamo di 58 esemplari di Cinnamomum Camphora o Albero di Canfora, dell’altezza di 5-6 metri; 39 esemplari Ilex Castaneifolia, di 4,5-5 metri di altezza, sempreverde; 26 alberi di Liriodendron Tulipifera fastigiata, 6-7 metri di altezza, detto anche Albero di tulipani; 29 alberi di Fraxinus Angustifolia ‘Raywood’, ovvero il Frassino detto ‘Flame’ per il colore rosso delle foglie in autunno, di 6-7 metri di altezza; 8 piante di Acer platanoides ‘Cleeveland, ovvero Acero riccio, di 5-6 metri di altezza; infine 24 alberi di Magnolia grandiflora, di 5-6 metri di altezza. Agli alberi si affiancheranno siepi e arbusti a basso fusto, panchine per la seduta dei passanti e fontane con i giochi d’acqua. Il progetto del verde ha già avuto il consenso della Sovrintendenza che sta esaminando il progetto inerente al disegno architettonico della pavimentazione, con l’obiettivo di creare una piazza che sappia dialogare con la chiesa e con tutto l’arredo urbano circostante. I lavori, come garantito dall’architetto Trisi, dovranno essere ben coordinati per evitare l’effetto vuoto, ovvero il cantiere procederà a tranche, in modo da garantire la rimozione del verde già esistente e l’immediata ripiantumazione. Sotto il profilo ambientale non abbiamo alcun dubbio sulla validità dell’opera che ci permetterà di restituire ossigeno al centro urbano, ma senza dubbio – ha sottolineato il Presidente Petrelli – sarebbe opportuno valutare la possibilità di estendere l’iniziativa anche a piazza Salotto che oggi sembra un vuoto privo di una destinazione che ancora dobbiamo tornare a individuare, ferma restando la sua vocazione a essere il ‘salotto’ buono del territorio”.