Sopralluogo di Armando Foschi per condizioni zona Pineta

“Entrerà a far parte del maxi-appalto dell’abbattimento dello svincolo a trombetta da 7milioni di euro il rifacimento di tre strade strategiche del quartiere Pineta, via Figlia di Iorio, via Modesto della Porta e via Cesare de Titta. Le condizioni in cui versano le tre arterie ormai rendono improcrastinabile l’intervento delle ruspe per il rifacimento di strade e marciapiedi, oggi una trappola per pedoni, ciclisti e motociclisti. Ad annunciare la possibilità sono stati l’assessore alla manutenzione ordinaria Adelchi Sulpizio e il dirigente Fabrizio Trisi nel corso di un sopralluogo della Commissione”. Lo ha annunciato il Presidente della Commissione Mobilità e Sicurezza del Territorio Armando Foschi ufficializzando l’esito della seduta della Commissione Mobilità che ha svolto un sopralluogo sul posto. “A sollecitare l’iniziativa sono stati residenti del posto, ma anche alcuni automobilisti e pedoni che percorrono quotidianamente le tre arterie viarie vivendone i problemi sulla propria pelle – ha spiegato il Presidente Foschi -. Oggi le tre strade, via Figlia di Iorio, via Modesto della Porta e via Cesare de Titta, rappresentano una sorta di ‘triangolo delle Bermuda’, come ha verificato la stessa Commissione: i marciapiedi sono rappresentati da un susseguirsi di dossi, gobbe, tratti dissestati, voragini, betonella rialzata dalle radici degli alberi, dai pini, sul lato monte, così come l’asfalto sul lato mare. Impossibile transitare in auto lungo l’asse stradale, senza rischiare di distruggere anche la vettura, oltre che di sbandare a ogni centimetro. Francamente a oggi le tre strade sono realmente impraticabili, e per questa ragione abbiamo ritenuto fondamentale richiamare l’attenzione dell’assessore Sulpizio per comprendere come poter intervenire nella maniera più celere possibile. E le risposte non sono tardate: l’assessore Sulpizio ha annunciato la volontà di dirottare nell’immediato sul posto le squadre costituite dai percettori del reddito di cittadinanza, che possono essere utilizzati, sulla base delle proprie competenze, per il ripristino dei tratti in betonella, che una volta sollevata, permette di livellare la sabbia sottostante, e rimettere in piano gli stessi pezzi di betonella. Discorso diverso per il marciapiedi lato mare in asfalto, completamente dissestato e devastato, così come l’asse stradale: in questo caso occorrerà intervenire con un vero cantiere demolitivo e ricostruttivo. E l’intervento sulle tre strade, e su via Scarfoglio in aggiunta, rientrerà tra le migliorie previste nell’appalto inerente all’abbattimento dello svincolo a trombetta a Pescara sud, un appalto da 7milioni di euro complessivi, consentendo, in questo modo, di concentrare su Porta Nuova i fondi. Prima di procedere – ha aggiunto il Presidente Foschi – gli Uffici comunali stanno aspettando la pubblicazione del nuovo prezziario regionale, prevista per il prossimo 31 luglio, per stabilire i costi da prevedere nelle nuove gare d’appalto, prezzi che sono aumentati con la guerra tra Russia e Ucraina, e solo a quel punto sarà stabilire l’esatta misura delle migliorie. Ovviamente continueremo a seguire la gara affinché l’intervento nella zona Pineta si realizzi nel più breve tempo possibile”.

0
120