Altro
    Altro
      HomePoliticaTagli ai Comuni, per Sindaco Teramo “Così si mina alla base...

      Tagli ai Comuni, per Sindaco Teramo “Così si mina alla base la coesione sociale”

      Pubblicato

      I Comuni, come più volte evidenziato dal Presidente Mattarella, rappresentano non solo l’istituzione più prossima ai cittadini, ma soprattutto le sentinelle della coesione sociale e dello sviluppo del paese. Per usare le sue stesse parole, sono «indicatori sensibili di quali effetti possono provocare situazioni di crisi, scarsità di risorse, scelte compiute a livello regionale e statale». Un ruolo che evidentemente non gli viene riconosciuto dal Governo nazionale, che li utilizza come bancomat per fare cassa, tagliando ingenti risorse e mettendo a rischio non solo la riuscita del PNRR, ma la stessa erogazione dei servizi e, dunque, la tenuta sociale delle nostre comunità”.

      Così il Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto sul riparto del contributo alla finanza pubblica da parte degli enti locali, che va a tagliare risorse per 200 milioni di euro l’anno ai Comuni e 50 milioni l’anno alle Province, commisurando una parte dei tagli in proporzione ai fondi ricevuti dal PNRR.

      In Abruzzo i tagli ammontano a circa 30 milioni dal 2024 al 2028 e il Comune di Teramo, proprio perché tra i più virtuosi, risulta uno dei più penalizzati, con un taglio di 1.319.449 euro in cinque anni, a cui si aggiunge un ulteriore taglio di 95.987 euro l’anno per il 2024 e 2025, relativo alla spending review informatica.  Una riduzione di risorse importante, solo in minima parte mitigata dal riparto delle risorse residue dei fondi Covid, pari a circa 267mila euro dal 2024 al 2027. 

      Solo per il 2024 il taglio complessivo per il Comune di Teramo ammonta a 376.636, che al netto delle risorse Covid scende a 312.371 euro. 

      In questi anni le amministrazioni locali hanno portato avanti un ingente  lavoro di programmazione e progettazione con l’obiettivo di dare risposte ai cittadini – prosegue il primo cittadino – come Comune di Teramo, grazie ai fondi PNRR, stiamo ridisegnando il volto della città, con importanti investimenti sulla rigenerazione urbana, che è allo stesso tempo rigenerazione sociale e culturale. Ma i tagli ai Comuni, reintrodotti proprio quando gli enti locali si stavano appena riprendendo dagli anni dell’austerity, rischiano di trasformare in cattedrali nel deserto le opere realizzate grazie ai fondi del piano nazionale di ripresa e resilienza. Molti enti locali potrebbero essere messi in ginocchio dai tagli. Il Comune di Teramo, prudenzialmente, aveva già inserito in bilancio i tagli, con una prima stima, anticipando di fatto la pubblicazione delle relative tabelle da parte del Viminale e oggi di fatto dovrà solo inserire in entrata il riparto dei fondi Covid, ma in ogni caso avremo oltre un milione di risorse che non arriveranno e che ci avrebbero consentito di lavorare e programmare con maggiore serenità. Chiediamo dunque al Governo, con la prossima finanziaria, di tornare sui propri passi, nella consapevolezza che i Comuni sono l’architrave del paese”.

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...