Altro
    Altro
      HomePoliticaVeronese, UIL, "su tavolo emergenza caldo"

      Veronese, UIL, “su tavolo emergenza caldo”

      Pubblicato

      “Siamo di nuovo punto e a capo: in ritardo costante sui temi di salute e sicurezza e con Associazioni datoriali che nascondono la testa sotto la sabbia, mentre le lavoratrici e i lavoratori esposti alle alte temperature rischiano la vita. Anche sul caldo, incontro tardivo e inconcludente, quello di oggi al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”. È quanto ha dichiarato la Segretaria confederale della Uil, Ivana Veronese.

      “Da almeno 3 mesi, in tutti i tavoli con il Ministero del Lavoro, anche in quelli tecnici, la Uil ha chiesto di convocare il tavolo “emergenza caldo”. Siamo al 20 giugno e le alte temperature sono già esplose in gran parte d’Italia. Il Ministero – ha precisato Veronese – ha riproposto il protocollo dell’anno scorso, che le parti datoriali non volevano e non vogliono sottoscrivere neppure oggi. Nulla di nuovo quindi, purtroppo”.

      “E invece noi – ha sottolineato Veronese – come un anno fa, ribadiamo che l’unica efficace è proprio una risposta sistemica. Innanzitutto, perché dobbiamo andare oltre la logica dei settori, che limita il perimetro alle persone che lavorano nell’agricoltura e nell’edilizia: e i postini? E i rider? E tutti coloro che lavorano nella ristorazione, dove quasi mai esiste la climatizzazione nelle cucine? Serve una base comune, che deve essere chiara e cogente; poi, le categorie possono sottoscrivere protocolli specifici di settore, per realizzare ulteriori passi avanti”.

      “La Uil ha chiesto di rendere strutturale la possibilità di accesso agli ammortizzatori sociali per i settori interessati, anche per le lavoratrici e i lavoratori stagionali, in particolare per l’agricoltura. Inoltre, qualora non si modifichino gli orari di lavoro o l’organizzazione del lavoro per proteggere lavoratrici e lavoratori, riteniamo che si debba obbligatoriamente porre il personale dipendente in ammortizzatore sociale, al raggiungimento della temperatura massima effettiva o percepita già prevista: su questo punto chiediamo che ci sia un automatismo. Per noi – ha rimarcato la sindacalista della Uil – il protocollo è un punto di partenza, per rendere effettivi gli obblighi che già hanno i datori di lavoro, gli Rspp, i medici competenti con la sorveglianza sanitaria, ma spesso sono norme disapplicate. E spesso non vengono consegnati i Dpi minimi, dall’acqua alla crema solare”.

      “Proprio nell’ottica di un fenomeno sistemico e non emergenziale, la Uil chiede di identificare i decessi o gli infortuni sul lavoro dovuti al caldo non come semplici malori. Occorre, inoltre, individuare i lavoratori fragili, particolarmente a rischio a causa delle alte temperature, per i quali è necessario garantire una protezione simile a quella predisposta durante la pandemia da Covid-19. Un anno fa le parti datoriali hanno fatto naufragare la proposta di protocollo, oggi siamo ritornati alla casella del via. La nostra posizione – ha concluso Veronese – non si è mossa di un millimetro e non intendiamo firmare per meno. Il nostro messaggio è chiaro: non può essere lasciata al datore di lavoro la decisione se tutelare o meno i propri lavoratori”.

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...