Lorenzo Sospiri su affidamento lavori recupero sismico chiesa Santa Maria in Piano a Loreto Aprutino

0
127

“Partono i lavori per la riqualificazione e il restauro della chiesa di Santa Maria in Piano a Loreto Aprutino per un importo complessivo pari a 728mila 129 euro. Oggi la consegna del cantiere che dovrà concludersi entro un anno al massimo, un intervento solido e funzionale, capace di unire il recupero del bello e del sacro alla utilità, restituendo alla comunità un luogo di preghiera straordinario, una vera opera d’arte che l’Abruzzo ha l’onore di ospitare nelle nostre aree interne”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri ufficializzando l’avvenuta consegna odierna del cantiere all’impresa che si è aggiudicata l’intervento.

“Il cantiere – ha ricordato il Presidente Sospiri -, finanziato con il decreto del Ministero della cultura, nasce dalla volontà della Sovrintendenza di intervenire per il recupero di uno degli edifici sacri più importanti dell’intero panorama abruzzese, restituendo piena agibilità alla chiesa dopo le conseguenze del sisma, migliorandone la fruizione e l’accessibilità. Infatti oggi la struttura soffre di una mancata manutenzione nel tempo e degli effetti dei fenomeni sismici, in particolare quelli che hanno interessato l’Abruzzo tra il 2016 e il 2017. All’epoca, dal rilievo del danno, sono venute fuori problematiche di natura strutturali, da ricondurre a un probabile cedimento del fondale, in particolare nella zona absidale; tali condizioni hanno causato l’interdizione della chiesa ai visitatori e ai fedeli. Il progetto ha l’obiettivo di restituire piena efficienza al monumento, attraverso il consolidamento strutturale necessario a ridurne la vulnerabilità sismica e il restauro architettonico, al fine di tutelare e valorizzare il bene migliorandone la fruizione. La chiesa di Santa Maria in Piano è conosciuta per l’opera d’arte del giudizio universale risalente al 1400 circa ed è ignoto l’autore. Il ringraziamento va alla Sovrintendenza e a tutti coloro che hanno lavorato su un progetto strategico fondamentale per il turismo religioso nelle aree interne”.