Altro
    Altro
      HomeSanitàLa Casa di Cura San Camillo di Milano inaugura i ricoveri temporanei...

      La Casa di Cura San Camillo di Milano inaugura i ricoveri temporanei di sollievo

      Pubblicato

      Milano, giugno 2024. Sostenere la persona fragile a mantenere la migliore autonomia
      possibile e garantire ai familiari e ai caregiver, soprattutto nella fase estiva, un breve periodo di sollievo. Con questo obiettivo la Casa di Cura San Camillo a Milano propone Ricoveri temporanei per garantire alle persone anziane un’assistenza medico-infermieristica
      professionale e continuativa e un periodo di riposo alle famiglie che se ne occupano quotidianamente.
      Dal 15 luglio al 30 agosto, la Casa di Cura San Camillo inaugura quella che vuole essere
      un’azione di supporto al territorio, in aiuto ai caregiver che durante l’anno si fanno carico
      dei loro familiari, spesso con importanti rinunce a livello personale.
      I Ricoveri di sollievo assicurano sostegno anche in momenti particolarmente critici: al
      termine di una ospedalizzazione o a seguito di eventi traumatici che richiedano cure più
      intensive.
      Particolare e numerosa è la popolazione anziana ed è prevalentemente a questa che si intende
      indirizzare il progetto. Il servizio in questione consente infatti di ricoverare in una struttura sanitaria
      la persona anziana (anche con la presenza continuativa del coniuge) per alleviare la famiglia dalla
      gestione quotidiana di parenti difficilmente curabili a domicilio.
      Il servizio di ricovero temporaneo viene incontro a diverse necessità. Innanzitutto assicurare cure
      mediche e infermieristiche qualora il nucleo familiare non sia in grado di garantirle. Quindi usufruire di un periodo di convalescenza in un ambiente protetto e sorvegliato. Infine, garantire un periodo di sollievo a coloro che assistono persone non autosufficienti.
      La struttura e il personale sanitario sono in grado di farsi carico delle problematiche non solo assistenziali, ma anche sociali dei pazienti anziani che saranno visitati in ambulatorio e orientati,
      sussistendone i presupposti, verso questa modalità di ricovero.
      Come nelle altre attività della Casa di Cura, sono garantite competenza del personale, tecnologie
      d’avanguardia, particolare attenzione e gentilezza nei rapporti interpersonali, rispetto assoluto del
      paziente, della famiglia e delle loro privacy. Il servizio offre screening diagnostici di base e attività
      fisica individuale e di gruppo. Una particolare attenzione è dedicata all’alimentazione, con menù
      di qualità predisposti da cucine interne e programmi personalizzati per pazienti diabetici o portatori di patologie particolari. È inoltre fornita una consulenza specifica in merito alla scelta di ausili
      o adattamenti ambientali idonei a risolvere problemi di autonomia personale e per l’adeguamento
      dell’abitazione dopo le dimissioni.

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...