Altro
    Altro
      HomeSpettacoli e TvA Spoleto Orfeo ed Euridice di Gluck secondo Damiano Michieletto

      A Spoleto Orfeo ed Euridice di Gluck secondo Damiano Michieletto

      Pubblicato

      C’è grande attesa a Spoleto per il debutto dell’opera Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck, su libretto in italiano di Ranieri de’ Calzabigi, titolo tra i più amati e rappresentati nella storia della musica, in scena al Festival dei Due Mondi nella personale rilettura del regista Damiano Michieletto. La nuova produzione, realizzata in collaborazione con la Komische Oper di Berlino dove è andata in scena nel gennaio 2022, è in programma venerdì 5 e sabato 6 luglio (ore 20:30, ore 18) al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, con le scene di Paolo Fantin, i costumi di Klaus Bruns e la drammaturgia di Simon Berger. L’esecuzione musicale è affidata all’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e al Coro Vocalconsort Berlin, guidati da Antonello Manacorda e affiancati da un cast di livello internazionale. Raffaele Pe interpreta Orfeo, Nadja Mchantaf è in scena nel ruolo di Euridice, Josefine Mindus in quello di Amore. Si aggiungono le danzatrici Alessandra Bizzarri, Ana Dordevic e Claudia Greco, guidate dal coreografo Thomas Wilhelm. David Cavelius è direttore del coro. Le luci sono di Alessandro Carletti. Lo spettacolo è ripreso da Rai Cultura, e sarà trasmesso in differita su Rai 5 venerdì 6 settembre in prima serata alle ore 21:15.
      In occasione della sua presenza a Spoleto, sabato 6 luglio alle ore 11 al Giardino del Festival Damiano Michieletto presenta il suo primo libro Teatro totale, edito dal Saggiatore, di cui è curatore e autore della prefazione. Il libro raccoglie gli scritti e le interviste di Walter Felsenstein, fra i registi d’opera più importanti del Novecento e fondatore della Komische Oper Berlin. Completamente inediti per l’Italia, questi testi non riguardano solo la messa in scena delle opere classiche e le tecniche di regia, ma anche altri aspetti come la drammaturgia, la sua sostenibilità economica e l’importanza e la centralità che i teatri possono e devono avere nella progettazione delle città e nell’esercizio della democrazia. Il teatro, scrive Felsenstein, «deve sempre essere qualcosa di totale». Oltre all’autore, l’incontro vede l’intervento dell’editore Luca Formenton. Venerdì 5 luglio, al termine della prima rappresentazione dell’opera, Damiano Michieletto riceve il Premio Fondazione Carispo, assegnato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto.

      Confermando l’attenzione alla sostenibilità che guida le scelte organizzative del Festival, il trasporto delle scenografie è stato realizzato in un’ottica di riduzione delle emissioni di CO2. Sette autotreni della flotta FERCAM percorrono 16.000 km (andata e ritorno) alimentati esclusivamente con biocarburante HVO, con un risparmio di emissioni di CO2 dell’80,54% (17.875 KG) rispetto allo spesso percorso con normali camion Euro 6 alimentati con Diesel fossile.

      Secondo Damiano Michieletto il mito, filo conduttore di questa edizione del Festival, è fatto della realtà degli uomini. Orfeo ed Euridice sono prima di tutto una coppia in crisi, sono diventati due estranei l’uno per l’altra. L’amore è scomparso. Una disgrazia colpisce Euridice e strappa Orfeo alla sua vita quotidiana. Lui piange e vaga per il mondo. Che cosa ha perso? Amore gli appare e gli offre una soluzione: può riportare in vita Euridice, a condizione di non guardarla per tutta la via del ritorno. Per il regista, «il trionfo dell’amore alla fine deriva dall’esperienza della finitezza della vita. Questo pensiero è difficile da sopportare. La storia mitologica di Orfeo che salva Euridice non riguarda la realtà di un uomo che salva una donna dagli Inferi. […] Il senso del viaggio di cui parlano numerosi miti è, a mio avviso, il tentativo di mostrare, con mezzi artistici, un’esperienza di vita veramente significativa. Si tratta della possibilità di cambiare, di incontrarsi di nuovo, di amare di nuovo e forse anche in modo diverso». A differenza del mito, Michieletto sceglie di mostrare la coppia in scena fin dall’inizio. Il viaggio di Orfeo agli Inferi è metaforico, è un percorso lungo il quale ritrova sé stesso. Quella di Orfeo ed Euridice è tra le vicende che più intensamente evocano il legame tra mondo dei vivi e mondo dei morti, e affonda le sue radici in miti antichissimi, preclassici. Non a caso è stata tra i soggetti scelti per l’opera lirica proprio ai suoi albori, con le versioni di Jacopo Peri, Giulio Caccini e nel 1607 con il capolavoro di Claudio Monteverdi. Fino al XX secolo, la figura del cantore Orfeo è apparsa sul palcoscenico in quasi cento ambientazioni, operette, balletti, cantate, poemi sinfonici e colonne sonore. Forse l’incanto di questo mito sta nella tensione degli amanti, nella scelta tra guardarsi un’ultima volta e salvarsi.

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...