Altro
    Altro
      HomeSpettacoli e TvPUGNI: esce oggi il nuovo singolo "Falco Ubriaco"

      PUGNI: esce oggi il nuovo singolo “Falco Ubriaco”

      Pubblicato

      Una canzone che precipita in picchiata per poi riprendere quota, raccontando di un crollo e di una ricostruzione dell’anima.

      Falco Ubriaco è il nuovo singolo di PUGNI (nome d’arte di Lorenzo Pagni

      ) in uscita oggi martedì 18 giugno e distribuito da Believe Music Italia.

      Dopo Orchestra di silenzi e Spigoli, il cantautore toscano ora adottato da Torino, al secolo Lorenzo Pagni, torna con una nuova canzone, terzo estratto dal disco d’esordio in uscita nel 2024.

      Un brano dallo spirito rock, inquieto e tormentato, e dal testo profondamente personale, capace di raccontare con coraggio e consapevolezza un proprio periodo buio e la conseguente rinascita.

      Il brano fa riferimento infatti a un episodio realmente accaduto all’artista. Nel 2018 avevo 25 anni, mi stavo laureando in psicologia, ma al tempo stesso ero un paziente che oggi seguirei con molto trasporto. Racconta PUGNI. Non era un bel periodo per la mia salute mentale e usavo l’alcol come farmaco.

      Una mattina stavo tornando a casa dopo una serata in compagnia di persone con cui condividere la necessità di spegnere il cervello. Barcollando, camminavo sul muretto dell’argine dell’Arno, a Pisa, con la netta percezione che fosse qualcosa di estremamente pericoloso ma con un’insensata fascinazione verso il vuoto sotto di me. Alla fine la mia ombra ebbe la meglio: sono caduto (Scivolato? Buttato? Non l’ho mai capito) sul cemento. Dopo non so quanto tempo, mi sono risvegliato a terra con il bacino rotto, qualche graffio e l’incapacità di respirare per alcuni secondi.

      Quella piccola morte è stata la mia risurrezione: fui obbligato a restare immobile per due mesi, ritrovai la mia strada e mi rimisi in piedi con rinnovata energia. Poco dopo poi conobbi una ragazza che mi aiutò a ritrovarmi nella luce dei suoi occhi.

      Falco Ubriaco è una lettera di PUGNI a se stesso, per ricordare i propri limiti e i propri errori, ma al tempo stesso è una lettera di ringraziamento alla persona che l’ha salvato e gli ha fatto ritrovare la luce.

      È un’esplosione di dolore, liberazione e redenzione, in cui la voce di PUGNI grida con forza, in tutta la sua dolce e potente ruvidità, il groviglio di sentimenti e riflessioni che quella caduta ha risvegliato.

      E lo fa volando sopra un riff dagli echi grunge di Danny Bronzini (tra le cose musicista per Jovanotti, Willie Peyote, Venerus), e a un mondo di emozioni tribali trasmesso nell’uso delle percussioni. Il tutto cucito insieme con armonie ben studiate e melodie intense: quello stile sonoro che, fondendosi al suo costante lavoro di introspezione testuale, dà a ogni canzone di Pugni un’intensità speciale.

      Crediti Falco Ubriaco

      Testo di Lorenzo Pagni e Michael Lorenzelli

      Musica di Lorenzo Pagni e Danny Bronzini

      Prodotto da Lorenzo Pagni, Danny Bronzini e Bruno Chiaffredo

      Mix: Peppe Petrelli

      Master: Giovanni Versari

      Batteria di Lillo Dadone

      Chitarre di Danny Bronzini e Zeno Marchi

      Crediti foto

      ad: Lorenzo Pagni, Alice Bazzini

      ph: Giulia Bartolini

      styling: Rebecca Pessina

      Testo

      Torni da solo dopo troppa compagnia

      Anche stavolta sei fuggito grazie a una bugia

      Con una bussola che punta su improvvisa

      Corri sui tetti dei palazzi tu sei pazzo

      Falco ubriaco tu fai cose eclatanti

      Tipo ti butti da sei metri per vedere se ancora rimbalzi

      Son troppo veri questi tuoi nuovi salti

      E lo faresti davvero se non pensassi sempre agli altri

      Sempre agli altri

      Magari è vero che la cura sono i sentimenti

      Certe cose tu le immagini ma non le senti

      Poi tra la polvere una chimica improvvisa

      Sorride pure quando scopre che sei pazzo

      La tua saliva mi fa cose eclatanti

      Tipo ti scrivo una canzone poi ti immagino nuda mentre la canti

      Per questo volo non mi servono salto

      Falco ubriaco dall’alto cado in picchiata sui tuoi sguardi

      Sui tuoi sguardi

      Colpi d’ali nello spazio-tempo senza gravità

      Sono ai limiti dell’universo, cosa c’è di là?

      Non mi chiedo più a che cosa servo

      Ora sono qua

      Ora sono qua

      Ora sono qua

      Falco ubriaco tu fai cose eclatanti

      Tipo ti butti da sei metri sfiori il suolo e ti rialzi

      Sei decollato per fuggire dagli altri

      Falco ubriaco alla fine ci sei riuscito a ritrovarti

      Nei suoi sguardi?

      BIO

      Lorenzo Pagni, in arte Pugni, nasce nel 1993 a Pisa, sulle sponde di un fiume, e cresce navigando sulle sue acque. Di giorno fa lo psicologo, di notte scrive canzoni.

      Si avvicina alla musica fin da piccolo attraverso i dischi del padre, comincia a suonare la batteria e poi la chitarra. Al tempo stesso, diventa un campione di canottaggio, rappresentando anche l’Italia ai campionati europei e mondiali. Ogni giorno passa ore seduto in silenzio, sorretto dall’acqua e circondato dagli alberi dell’Arno, ripetendo e affinando lo stesso gesto milioni di volte. Ed è così che arriva a comprendere quella musica di cui si era innamorato: scandendola nel ritmo cadenzato dalle remate. Dai 16 anni inizia a esibirsi nei locali e poi a scrivere canzoni, che per anni però restano nascoste in camera sua. Comincia a lavorare nei locali notturni come barman, musicista e dj e recupera – forse pure troppo – la mondanità e il divertimento perso durante un’adolescenza guidata dal senso del dovere. Ogni tanto canta qualche canzone inedita, ma di quelle che non parlano di lui, di quelle scritte col freno a mano, che non impegnano troppo. Nel 2018 entra nella band Scarlett con cui inizia a suonare in giro per l’Italia, con qualche uscita in Francia e Olanda. Con loro produce qualche brano, che farà poi uscire col nome di Pugni una volta sciolto il gruppo.

      Nel 2020 saluta il mare e i pescatori per spostarsi sulle sponde di nuovi fiumi, a Torino. È qua che inizia a esprimersi per quello che è: il remo si trasforma definitivamente in una chitarra e la fatica fisica in quella necessaria per la conoscenza dell’animo umano. Ma la sua città natale gli dà ancora qualcosa: l’incontro con Danny Bronzini (Jovanotti, Willie Peyote, Venerus), suo concittadino trasferitosi anche lui a Torino, è determinante nel suo percorso di crescita artistica e nell’adozione di una visione matura del processo creativo. Danny, così come Kendo – produttore torinese con cui Pugni scrive e produce in grande sinergia – gli offrono nuovi stimoli che lo portano a liberarsi dalle proprie rigidità e avviare un processo di ricerca tutt’ora in corso. Processo che si mescola profondamente alla sua attività di psicologo: dopo la laurea inizia a lavorare in una clinica psichiatrica, dove ascolta storie di vita al limite del credibile. La complessità delle persone che incontra gli fornisce il materiale emotivo per scrivere, che diventa non solo una necessità espressiva, ma un vero e proprio strumento terapeutico con cui poter esorcizzare il dolore. Pugni ha selezionato 8 delle canzoni che ha scritto negli ultimi anni e le ha raccolte nel suo primo album in uscita nel 2024 con distribuzione Believe Music Italia e il supporto manageriale di Costello’s Records. Il 5 marzo è uscito il primo singolo, Orchestra di silenzi, mentre il secondo, Spigoli, è uscito il 12 aprile.

      Ultimi Articoli

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...

      ATA, al via da oggi le procedure per 1.435 progressioni di carriera

      Valditara: “Riconosciamo e valorizziamo le competenze del personale scolastico, decisivo per migliorare la qualità...

      Altre notizie

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...