Altro
    Altro
      HomeSportEuropeo 2024: Italia, come ci arrivi?

      Europeo 2024: Italia, come ci arrivi?

      Pubblicato

      di Pierpaolo Di Carlo

      Nella prima metà di giugno può capitare di sentirsi ansiosi per un appuntamento imminente. Ad esempio se si è in procinto di svolgere il tanto temuto esame di Stato o, nel caso della Nazionale italiana, se ci si sta preparando ad affrontare un Europeo.

      Mancano ormai solo poche ore all’inizio e, pur essendo detentrice del titolo, l’Italia non è più la squadra magica e vincente che ha reso indimenticabile la notte di Wembley della scorsa edizione.

      Da quel luglio di tre anni fa, sembrano essersi affievoliti non solo solidità tattica e di squadra, apparse del tutto assenti nelle occasioni che hanno preceduto l’avvio della competizione, ma anche quel sentimento di fiducia e speranza che aleggiava sulla nazionale guidata da Roberto Mancini.
      Le ultime amichevoli non hanno portato a risultati mirabolanti, per usare un eufemismo, e, in generale, analizzando la lista dei convocati, il sentimento di sfiducia che pervade tifosi ed addetti ai lavori non sembra del tutto ingiustificato.

      Come al solito l’Italia, oscurata dallo strapotere di corazzate come Francia e Inghilterra, non parte favorita e benché nel calcio i pronostici siano spesso destinati ad essere sovvertiti, c’è da dire che le speranze di poter uscire vittoriosi da Euro 2024 appaiono piuttosto scarse. Volendo parlare della fase a gironi, le avversarie degli Azzurri, in particolare Spagna e Croazia, partono favorite in virtù del loro elevato tasso tecnico e della loro forza, che hanno ribadito nel recente mondiale che ci ha visto spettatori in pantofole.


      Luciano Spalletti dovrà essere bravo a dare fiducia a un gruppo senza stelle protagoniste, ma con una serie di giocatori dalle buone individualità che, tuttavia, non sempre sono riusciti a replicare in maglia azzurra quanto di buono fatto con quella del loro club.

      La speranza è l’ultima a morire e, a questo proposito, vedremo se anche i nostri eroi, quando l’Italia chiamerà, saranno pronti a farlo. Calcisticamente, s’intende.

      Ultimi Articoli

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...

      ATA, al via da oggi le procedure per 1.435 progressioni di carriera

      Valditara: “Riconosciamo e valorizziamo le competenze del personale scolastico, decisivo per migliorare la qualità...

      Altre notizie

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...