Altro
    Altro
      HomeCostumeIl Giro del 1909

      Il Giro del 1909

      Pubblicato

      di Davide Pitocco


      Il primo Giro d’Italia del 1909 è stato l’evento dell’anno. Sono migliaia gli spettatori accorsi sulle strade, ai margini per vedere i corridori. Partecipano anche i cosiddetti trenisti, atleti di secondo piano, che strada facendo raccolgono qualche spicciolo per pagarsi il biglietto del treno per tornare a casa. Luigi Ganna, il vincitore, dopo la proclamazione viene intervistato dalla Gazzetta e alla domanda di rito su cosa provasse dopo la vittoria, in dialetto varesino risponde: “ Mi brucia il sedere!”.
      Questi ciclisti, a sentire le loro gesta oggi viene da sorridere, ma ai tempi erano considerati dei veri eroi, tanto che gli stessi socialisti li usano nelle campagne come propaganda, venendo così a creare un legame concreto tra il popolo, le masse ed i ciclisti, che divengono così dei veri e propri miti risorgimentali, o come li chiama Ivanoe Bonomi, miti greci. Questo eroismo si completa durante la prima Guerra Mondiale, perché tanti ciclisti professionisti si arruolano e compiono anche imprese eroiche, una tra tutte quella di Carlo Oriani, vincitore del Giro del 1913, il quale morirà per i postumi di una polmonite presa durante la ritirata di Caporetto. Per completare l’eroismo dei ciclisti nel gotha degli eroi sportivi e popolari arriva alla fine della Grande Guerra d’Annunzio che scrive delle poesie in cui esalta l’impegno di questi soldati, ciclisti ed eroi.
      Per i socialisti riformisti, Bissolati e Bonomi, il ciclismo è lo sport del popolo povero, perché in esso, che era un prodotto del capitalismo e dell’industria, c’è l’occasione per gli operai per migliorare la propria condizione. Infatti in molti articoli lo stesso Bonomi afferma che i socialisti che sono contro la bicicletta ed il ciclismo non hanno capito nulla dell’evoluzione della società. Infatti quando Mussolini era ancora socialista, era solito gettare i chiodi al passaggio dei corridori del Giro, per boicottare quello che veniva definito il Giro plutocratico e borghese. Anche la Chiesa inizialmente è fortemente ostile, perché, rappresentando la modernità, incappa nell’astio di tutti gli antimodernisti, compresi i cattolici massimalisti. Per i preti che vanno in bici sono comminate sospensioni a divinis. Questo atteggiamento cambierà soltanto dopo gli anni trenta. Per non parlare poi delle donne: era fortemente proibito andare in bicicletta, perché non era un atteggiamento consono e perché le gonne per forza di cose svolazzavano.
      I liberali ed il mondo borghese sono invece a favore di questo mezzo. Il ciclismo è uno sport legato alla produzione dei mezzi stessi, dei pneumatici e dei giornali. Non dimentichiamo che oggi come allora era un’impresa commerciale tra le più fortunate di quel periodo.
      La cosa curiosa attorno al ciclismo è questa: all’inizio gravita attorno all’orbita dei liberali, ma poi i regimi totalitari ne capiscono il vero valore, fascisti da una parte e comunisti e bolscevichi dall’altra. L’adozione dello sport da parte degli Stati a matrice comunista è una forzatura antropologica, perché i comunisti sono per il cervello, vero o sbagliato che sia, molti paesi del blocco comunista, da Cuba all’Urss, hanno utilizzato lo sport a fini propagandistici, anche se il primo, colui che ha mostrato la via alle dittature, è stato proprio Benito Mussolini, il quale è stato considerato il primo atleta politico dell’Italia del Novecento, proprio per come utilizza lo sport per cercare propaganda e consenso al regime.
      Negli anni Trenta la gente ama il Giro ed i suoi campioni passati e presenti. L’eleganza di Girardengo, il coraggio di Binda, la combattività di Guerra attirano molti appassionati attorno a questo mondo. La bicicletta diventa così il primo veicolo di trasporto del Regno d’Italia e le vendite aumentano di Giro in Giro.

      Ultimi Articoli

      Frane, bando da 1 milione e 400 mila euro per mettere in sicurezza Contrada Fontana a Fiumedinisi nel Messinese

      Pubblicato dalla Struttura per il contrasto al dissesto idrogeologico, guidata dal presidente della Regione...

      PUGNI: esce oggi il nuovo singolo “Falco Ubriaco”

      Una canzone che precipita in picchiata per poi riprendere quota, raccontando di un crollo...

      SALERNO LETTERATURA IL PROGRAMMA DEL 19 GIUGNO

      Alle 17.30 all'Archivio di Stato, SCUOLA DI LETTURA IL RIASSUNTO COME STILE DI VITA....

      Latina, stupefacenti: custodia per 11 persone. Il video

      Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nella mattinata odierna, in Latina e...

      Altre notizie

      Frane, bando da 1 milione e 400 mila euro per mettere in sicurezza Contrada Fontana a Fiumedinisi nel Messinese

      Pubblicato dalla Struttura per il contrasto al dissesto idrogeologico, guidata dal presidente della Regione...

      PUGNI: esce oggi il nuovo singolo “Falco Ubriaco”

      Una canzone che precipita in picchiata per poi riprendere quota, raccontando di un crollo...

      SALERNO LETTERATURA IL PROGRAMMA DEL 19 GIUGNO

      Alle 17.30 all'Archivio di Stato, SCUOLA DI LETTURA IL RIASSUNTO COME STILE DI VITA....