More
    HomeSportIL RALLY DI ROMA VINTO DA DE TOMMASO – ASCALONE

    IL RALLY DI ROMA VINTO DA DE TOMMASO – ASCALONE

    Pubblicato

    COMMISSARI ABRUZZESI PROTAGONISTI

    Il Rally di Roma Capitale, conclusosi lo scorso week end, ha avuto il solito successo straordinario, sia a livello sportivo che mediatico. La gara è stata vinta da Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone su Skoda Fabia Rally2 Evo. La manifestazione è organizzata da Motorsport Italia e Max Rendina ed è valida per il FIA European Rally Championship e per il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco.

    Alla competizione ha partecipato anche il pilota teramano Alfredo De Dominicis, in testa al Rally di Roma Trophy è stato autore di ottimi tempi quando è stato costretto al ritiro per rottura del turbo della sua vettura N5.

    Il fascino della città eterna ha ammaliato piloti, team e spettatori, con le auto che hanno potuto sfrecciare per un week end nei luoghi millenari come la prova speciale “Colosseo ACI Roma”, tenutasi nella zona di Colle Oppio, davanti all’anfiteatro romano più famoso del mondo, che ha aperto le gare.

    Ma, oltre al risultato sportivo, il Rally di Roma Capitale edizione 2022 ha fatto registrare la partecipazione di numerosi commissari di percorso provenienti dall’Abruzzo. Un ruolo, quello dei commissari, assolutamente imprescindibile e delicatissimo visto che si tratta di gestire la sicurezza dei piloti, degli equipaggi e, soprattutto, del numerosissimo pubblico, in strade normalmente aperte al traffico stradale.

    Quando poi i bolidi da rally si trovano a rombare tra edifici e strade entrati nell’iconografia affascinante della città più bella del mondo, con un pubblico enorme di residenti, turisti e addetti ai lavori, è facile immaginare quanta responsabilità possa gravare su chi deve garantire l’incolumità di tutti.

    Il club Sport Italia di Teramo (con nove componenti), capo prova Raoul Pomanti, coadiuvato da Monica Baiocco e Massimiliano Fiorà ,ha gestito le prove cronometrate del tratto più importante, quello del Colosseo e anche le prove 4 e 7 di Guarcino.

    Il gruppo Pescara Motorsport (sedici persone), capeggiato da Ferdinando Accili, ha fatto servizio nelle prove cronometrate 2 e 5 di Roccasecca e 9 e 11 di Rocca di Cave.

    Il gruppo Abruzzo 1 di Pescara (dodici persone) capeggiato da Pierdomenico Bruno ha fatto servizio nelle prove cronometrate 3 e 6 di Santopadre e 8  e 13 di Fiuggi.

    Ma l’impegno dei commissari abruzzesi è ormai riconosciuto a livello internazionale. Al  Rally di Italia Sardinia, tenutosi lo scorso giugno, valido per il Campionato del mondo Rally il gruppo di Teramo, impegnato con 24 persone, ha gestito autonomamente tre prove speciali oltre alla prova di qualificazione pre-gara. Il gruppo Pescara Motorsport, infine, ha fatto servizio con otto persone.

    Ultimi Articoli

    Il temporale del pomeriggio ha spento gli ultimi focolai del pauroso incendio di Atri

    Con l'arrivo del forte nubifragio di oggi pomeriggio l'incendio che, nella tarda serata di...

    Ciccone party di slancio

    Sul palco di Jovanotti a Vasto, davanti a 20 mila persone, il ciclista abruzzese...

    Caos Superbonus 110 per cento. Il consulente del credito Galletti (We-Unit): “Consiglio alle imprese edili di istruire la pratica di cessione del credito prima...

    L'innata predisposizione degli italiani nel rendere complicate le cose semplici e impossibili le cose...

    Piero Cassano a Guardiagrele per il Bolognino d’oro

    Uno dei padri della musica pop italiana al prestigioso evento guardiese in programma domenica...

    Altre notizie

    Il temporale del pomeriggio ha spento gli ultimi focolai del pauroso incendio di Atri

    Con l'arrivo del forte nubifragio di oggi pomeriggio l'incendio che, nella tarda serata di...

    Ciccone party di slancio

    Sul palco di Jovanotti a Vasto, davanti a 20 mila persone, il ciclista abruzzese...

    Caos Superbonus 110 per cento. Il consulente del credito Galletti (We-Unit): “Consiglio alle imprese edili di istruire la pratica di cessione del credito prima...

    L'innata predisposizione degli italiani nel rendere complicate le cose semplici e impossibili le cose...