Altro
    Altro
      HomeSportNella nebbia agli irti colli si accende la speranza di Roglic

      Nella nebbia agli irti colli si accende la speranza di Roglic

      Pubblicato

      di Davide Pitocco

      Per la seconda tappa del Giro del Delfinato abbiamo assistito alla nebbia agli irti colli, piovigginando sale, e in cielo perlaceo e denso come un budino la luce di Roglic, dopo il grave incidente di cui è stato vittima al Giro dei Paesi Bassi insieme a Vingegaard ed Evenepoel. Ai 1251 metri del Col de la Loge, traguardo della seconda tappa tutt’altro che di ardua ascesa in volata il danese Cort-Nielsen batte in volata il vincitore del Giro d’Italia 2023.
      La fuga prende il via subito al primo tentativo con Armirail, Le Berre, il nostro Conca, Meurisse e Gregaard che approcciano la prima salita di giornata con 5’20” sul gruppo. I cinque fuggitivi vendono cara la pelle rendendo complicato l’inseguimento, guidato da Fdj, Bora e Israel: ancora 3′ a meno di 30 dalla conclusione.
      Per gli appassionati italiani la tappa di oggi ha lasciato due notizie una bella ed una meno bella. Giulio Ciccone è arrivato quarto dimostrando di essere sulla strada buona per riconfermarsi maglia a pois al Tour de France, l’altra invece ha visto un Antonio Tiberi che si è staccato appena iniziata l’ultima salita. Restano così circa 80 uomini con un minuto da recuperare sui fuggitivi a 18 km dal traguardo.
      Ai 10 dall’arrivo ci prova in solitaria Bruno Armirail mentre nel gruppo Vlasov imposta il ritmo e screma ulteriormente ad una cinquantina gli uomini che vogliono giocarsi la vittoria, fra i quali non c’è Mads Pedersen.
      Gli ultimi 3 km sono appassionanti e da brividi, per la velocità con cui vengono affrontati e se la giocano sul filo dei secondi: Armirail cede proprio negli ultimi metri e il gruppo, tirato dalla Uno X, chiude permettendo la volata vincente di Cort-Nielsen che brucia Roglic e Jorgenson con un brillante Giulio Ciccone quarto. Nel gruppo dei migliori anche Remco Evenepoel, arrivato alla ventisettesima posizione. Così due danesi si aggiudicano le prime due tappe del Delfinato.
      Magnus Cort-Nielsen è il nuovo leader della classifica con 4″ su Roglic e 6″ su Jorgenson.

      Ultimi Articoli

      VOCE DEL VERBO ALVEARE: piccolo dialogo fra la Natura e un’attrice curiosa

      Prosegue con uno spettacolo orientato per un pubblico di ogni età, dai più piccoli...

      JR torna al Cinema Troisi lunedì 24 giugno per presentare Tehachapi

      È uno degli artisti contemporanei più famosi al mondo: lunedì 24 giugno JR (nome d'arte di Jean...

      Marco Pompa, Woman Teramo, miglior allenatore dell’eccellenza

      Grande gioia e orgoglio per la Women Teramo. Marco Pompa è stato premiato...

      PINETTI MOTORSPORT: JEREZ, ZANASI PUNTA AL SORPASSO AL VERTICE

      È stato un inizio di stagione a dir poco spumeggiante per Marco Zanasi, approdato...

      Altre notizie

      VOCE DEL VERBO ALVEARE: piccolo dialogo fra la Natura e un’attrice curiosa

      Prosegue con uno spettacolo orientato per un pubblico di ogni età, dai più piccoli...

      JR torna al Cinema Troisi lunedì 24 giugno per presentare Tehachapi

      È uno degli artisti contemporanei più famosi al mondo: lunedì 24 giugno JR (nome d'arte di Jean...

      Marco Pompa, Woman Teramo, miglior allenatore dell’eccellenza

      Grande gioia e orgoglio per la Women Teramo. Marco Pompa è stato premiato...