Altro
    Altro
      HomeCronacaSISMA 2016. LA CROCE ROSSA ITALIANA CONSEGNA A FORCE LA NUOVA STRUTTURA...

      SISMA 2016. LA CROCE ROSSA ITALIANA CONSEGNA A FORCE LA NUOVA STRUTTURA SOCIO-SANITARIA

      Pubblicato

      Force (AP), 14 maggio 2024 – Nel 2016 il terremoto aveva privato Force del centro socio-sanitario che ospitava 12 persone con gravi disabilità, da allora costrette ad essere assistite in altre strutture del territorio. Oggi, grazie ai fondi raccolti dalla Croce Rossa Italiana, la cittadina marchigiana ha la sua nuova Residenza Sanitaria Assistenziale.
      Le chiavi della struttura – quasi 800 metri quadrati con 6 sei camere di degenza, ognuna con due posti letto, e aree per attività riabilitative e ricreative – sono state consegnate dal Presidente Nazionale della CRI Rosario Valastro al Sindaco Amedeo Lupi nella cerimonia di inaugurazione che si è tenuta nel nuovo centro assistenziale, alla presenza del Commissario Straordinario alla Ricostruzione Sisma 2016, Guido Castelli, e delle numerose autorità locali.
      “Abbiamo ancora tutti negli occhi la devastazione portata in queste zone dal sisma del 2016. La Croce Rossa Italiana si era immediatamente attivata per portare soccorso alla popolazione e, come promesso, non se ne è mai andata. Da sempre, anche dopo che i riflettori si spengono la CRI si impegna, con le sue Volontarie e Volontari, a supportare chi è in difficoltà e alleviare le sofferenze di chi si trova in situazione di vulnerabilità. Le donazioni arrivate alla Croce Rossa ci hanno permesso di continuare a sostenere le comunità colpite dal terremoto di quasi otto anni fa con la realizzazione di numerosi progetti di ricostruzione. Oggi ne inauguriamo uno a Force, non è il primo e non sarà l’ultimo, perché vogliamo dare continuità al nostro operato. La scelta della data di questa inaugurazione non è casuale, perché domani la Croce Rossa Italiana festeggia 160 anni, periodo nel quale abbiamo imparato tanto, adattando la nostra azione ai tempi che cambiavano. Prima la Croce Rossa interveniva solo nella prima emergenza, quando c’erano bisogni sanitari, quando bisognava salvare vite. Poi abbiamo imparato anche a intervenire nella cosiddetta seconda emergenza, cioè tutta la parte sociale che inizia quando si spengono i riflettori. E ora il passo ulteriore: occuparci addirittura della ricostruzione. Voglio poi ricordare la bellezza del Volontariato, di tutti questi colleghi Volontari le cui braccia sono state e sono sempre a disposizione della comunità, anche quando loro stessi sono stati colpiti dal disastro. Voglio ringraziare i donatori, perché le risorse sono fondamentali: noi abbiamo messo il nostro onore, il nostro Emblema che significa cura e protezione e siamo fieri di aver conseguito questo risultato e aver onorato la fiducia che avevano riposto in noi. Siamo qui, oggi, a ribadire il nostro impegno a non lasciare sole le persone, le comunità e le Istituzioni. Mancano tre strutture da inaugurare in quest’area e poi inizieremo le procedure per la ricostruzione post-alluvione in Romagna. Come accaduto per il sisma del 2016, vogliamo contribuire alla ricostruzione mettendo al centro il principio di Umanità, vogliamo continuare ad essere #unItaliacheaiuta”, ha dichiarato Rosario Valastro.
      “Desidero ringraziare la Croce Rossa per l’opera benemerita che da anni sta compiendo per le nostre comunità colpite dal sisma e le realtà che, attraverso le loro donazioni, hanno reso possibile questa inaugurazione. Si tratta di un ennesimo, ulteriore, esempio di rinascita per il nostro Appennino centrale– ha affermato il Commissario Straordinario Castelli – dove ricostruzione materiale e riparazione sociale ed economica viaggiano di pari passo. Una ricostruzione che sta avvenendo nel segno dell’innovazione, come conferma questa nuova residenza sanitaria che risponde ai più avanzati criteri di sicurezza, sostenibilità e accessibilità. La riparazione di questi territori, invece, necessita innanzi tutto del ripristino di una rete di servizi essenziali efficienti e di qualità, a partire da quelli dedicati alla cura e alla salute delle categorie più fragili. La struttura realizzata qui a Force va proprio in questa direzione. La collaborazione con Croce Rossa per il bene dei nostri territori continua a dare vita a risultati meritori”.
      “L’ospedale fratelli Lepri, dove erano ospitati i pazienti del centro socio sanitario, venne danneggiato dal sisma 2016. La struttura verrà inserita nel nuovo piano delle opere pubbliche, ma era importante dare una risposta immediata. Grazie alla Croce Rossa e a diversi operatori privati siamo riusciti a realizzare questa importante opera”, ha dichiarato il Sindaco Lupi.
      La costruzione, un edificio con struttura in acciaio, ad elevata prestazione energetica e dotata di impianti di ultima generazione, è stata realizzata e arredata grazie alle donazioni di Sanofi, BPER Banca, Whirpool, Metelli Group, Croce Rossa del Lussemburgo e Comitato CRI di Palazzolo sull’Oglio. La Vice Presidente della Croce Rossa, Debora Diodati, ha consegnato le targhe di ringraziamento ai rappresentanti di BPER Banca e della CRI di Palazzolo sull’Oglio, presenti alla cerimonia.
      All’evento ha partecipato anche l’artista urbano Fabio Petani, incaricato di decorare la residenza con un imponente murale. L’opera, che si sviluppa su tutti i lati dell’edificio, è un’astrazione del paesaggio marchigiano, con una reinterpretazione del celebre Terzo Paradiso di Pistoletto e una trasformazione in chiave “botanica” dell’emblema della Croce Rossa Italiana.

      Ultimi Articoli

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...

      ATA, al via da oggi le procedure per 1.435 progressioni di carriera

      Valditara: “Riconosciamo e valorizziamo le competenze del personale scolastico, decisivo per migliorare la qualità...

      Altre notizie

      S. Teresa, incontro dibattito “La radice culturale della violenza tra i giovani”

      L'associazione Artistica e Culturale Santa Teresa, con il patrocinio del Comune di Spoltore, organizza...

      IL SINDACO DI SPOLTORE SALUTA IL RICERCATORE SIMONE FIOCCOLA

      Simone Fioccola è un giovane ricercatore di Spoltore, laureato in chimica teorica e impegnato...

      PREMIO LETTERARIO EMILY “I MILLE VOLTI DELLA VIOLENZA”: TUTTO PRONTO PER LA SEMIFINALE

      Grande attesa per la proclamazione dei cinque volumi finalisti e del vincitore della Sezione...