Altro
    Altro
      HomeL'IntervistaDOCENTI SOSTEGNO MOBILITATI CONTRO ORDINANZA MINISTERIALE DEL 20 MAGGIO

      DOCENTI SOSTEGNO MOBILITATI CONTRO ORDINANZA MINISTERIALE DEL 20 MAGGIO

      Pubblicato

      Se per molti studenti frequentare la scuola si presenta come un percorso ad ostacoli, non se la passano certo meglio alcuni insegnanti costretti ad un vero e proprio slalom speciale nelle pieghe della burocrazia e, sovente, nelle iniquità che dentro di essa si celano.
      E’ quanto capita, ad esempio, ai tanti docenti di sostegno che sono laureati e specializzati con corsi annuali preceduti da tre prove d’ingresso e il sostenimento di diversi esami, svolti nelle università italiane e con anni di servizio alle spalle. In previsione infatti della formazione delle nuove graduatorie 2024-2026, questi rischiano di vedersi sorpassati (e soppiantati) da colleghi che abbiano maturato punteggio così come previsto dalla recentissima ordinanza ministeriale del 20 maggio 2024.
      Questo provvedimento, stando a quanto ci riferisce la Professoressa Francesca Cipollone – docente di sostegno a tempo determinato presso l’Istituto Tecnico Alessandrini di Montesilvano (PE) – produce degli effetti a dir poco paradossali. “La tabella di valutazione dei titoli per il sostegno – spiega la docente – causa gravissime iniquità tra i docenti, basti pensare al fatto che i recenti corsi di abilitazione della durata di due mesi sono equiparati, quanto al punteggio, a tre anni di servizio”.
      “In questo modo – prosegue l’insegnante – risulta penalizzato il docente che non ha potuto permettersi per ragioni economiche l’iscrizione a questi corsi o che non si sia iscritto tempestivamente oppure ancora che non abbia potuto farlo solo perché i corsi per la propria classe di concorso non erano ancora stati attivati!”
      Come se non bastasse, l’ordinanza del Ministero dell’Istruzione e del Merito prevede anche la possibilità di inserire in graduatoria aspiranti i cui titoli esteri non siano ancora stati valutati. Anche in questo caso, in danno degli insegnanti che abbiano già maturato anni di servizio.
      “In realtà, a pagare le conseguenze di questa situazione, inevitabilmente, e come sempre accade nel mondo della scuola, finiscono per essere i nostri ragazzi – spiega ancora la docente abruzzese – che siamo costretti a lasciare dopo anni di lavoro, interrompendo anche i rapporti costruiti, spesso faticosamente, con le famiglie”.
      “La scuola vista in questa maniera è molto lontana dall’ottica dell’inclusione, dell’eguaglianza e del rispetto
      – conclude la Professoressa Cipollone – chiedendo a tutti di – manifestare il vostro pensiero e la vostra volontà affinché ciascuno studente con disabilità possa essere considerato come una persona degna di avere un’educazione e formazione di qualità”.
      Alessio Di Carlo

      Ultimi Articoli

      VASTO, “UN MARE DI BELLEZZA CON EVENTI PER TUTTI I GUSTI E PER TUTTE LE ETÀ”

      Il Concerto per il Solstizio inaugura l’estate vastese. Ricco il calendario di iniziative “La stagione...

      Oggi è il World Rainforest Day

      Nonostante ricoprano meno del 3% del Pianeta, le foreste pluviali ospitano più della metà delle specie...

      La notte di San Giovanni, il Natale d’estate a Borgo Case, Pescara

      La notte di San Giovanni, come la conosciamo oggi, tramandataci dai nostri nonni, ripresa...

      Liste di attesa. Precisazioni della ASL di Pescara e lotta alla disinformazione

      In merito alle notizie apparse sugli organi di stampa (es. “Il Centro” di oggi,...

      Altre notizie

      VASTO, “UN MARE DI BELLEZZA CON EVENTI PER TUTTI I GUSTI E PER TUTTE LE ETÀ”

      Il Concerto per il Solstizio inaugura l’estate vastese. Ricco il calendario di iniziative “La stagione...

      Oggi è il World Rainforest Day

      Nonostante ricoprano meno del 3% del Pianeta, le foreste pluviali ospitano più della metà delle specie...

      La notte di San Giovanni, il Natale d’estate a Borgo Case, Pescara

      La notte di San Giovanni, come la conosciamo oggi, tramandataci dai nostri nonni, ripresa...