Altro
    Altro
      HomeLibero. Davvero!Area di risulta, un vuoto chiamato opportunità e non cemento armato

      Area di risulta, un vuoto chiamato opportunità e non cemento armato

      Pubblicato

      Triste, squallida, grigia e pericolosa. L’Area di risulta, forse l’unico parcheggio al mondo dove hai la certezza di pagare due volte – la prima, quando entri, al Comune; la seconda, per trovare posto, al parcheggiatore abusivo – ha tutte le negatività possibili e un fantastico pregio: è un vuoto. Significa che è un’opportunità.

      Più di un sindaco ha provato a trasformare questo vuoto in qualcosa utile più a soddisfare il proprio ego che alla città, quindi ad annullare l’opportunità. Ne abbiamo sentite tante, dal teatro al centro polifunzionale, dal grattacielo al parco urbano, dal parcheggio a silos a quello interrato. Sono andati via gli anni ’90, i primi decenni del Duemila e, di chiacchiera in chiacchiera, siamo giunti all’alba del 2023. La buona notizia è che nulla di quanto ipotizzato è stato concretizzato. Il vuoto è ancora lì. L’opportunità anche.

      Ora, che entrambi debbano essere tranciati dalla costruzione della sede pescarese della Regione è una follia. Un atto d’imperio della nostro decadente sistema politico. Cui prodest? A chi giova? Ai cittadini no di certo. Al commercio cittadino? Farei una riflessione. La Regione è già presente a Pescara. E’ sparpagliata in vari edifici, ma c’è. Impiegati, funzionari, utenti e politici camminano tra noi da mezzo secolo. Cosa ci sarebbe di nuovo e di felicemente impattante sull’economia pescarese? Un sommesso vociare ci fa sapere dell’importante risparmio, negli anni, per le casse regionali. Mi pare strano che la classe politica abruzzese, non propriamente illuminata, abbia a cuore il risparmio. E allora? Direi di tenerci stretta ancora per un po’ la nostra triste, squallida e grigia Area di risulta. Rendiamola sicura e cominciamo a pensarla come punto nevralgico di Nuova Pescara e dell’intera area metropolitana.

      Tiriamo su una progettualità ispirata al futuro, che inglobi anche gli altri vuoti urbani, tra cui il cementificio, l’area Di Properzio, l’ex Cofa, ma anche i fiumi Pescara e Saline le pinete, le spiagge e le zone verdi. Una progettualità condivisa con Spoltore e Montesilvano, che non sono pezzi astratti di Nuova Pescara: sono Nuova Pescara! Si chiama visione. E’ quella cosa che se non ce l’hai devi rivolgerti a chi ce l’ha, altrimenti ragionerai sempre con il parametro del metro cubo di cemento armato.

      di Libero de Foscolo Ortis

      Ultimi Articoli

      L’ASTRONOMIA DI DANTE E LA CONQUISTA DELLA LUNA:DUE INCONTRI DI LETTURA A TERAMO CON MASSIMO CAPACCIOLI

      A Teramo, il 6 marzo alle ore 17:45 presso la Biblioteca regionale “Melchiorre Delfico”...

      Domenico Genovesi nuovo Direttore di Dipartimento Servizi della Asl Lanciano Vasto Chieti

      E’ Domenico Genovesi, noto radioterapista, il nuovo Direttore del Dipartimento Servizi della Asl Lanciano...

      Artigianato, credito, concertazione: domani D’Amico e Marsilio a confronto con la CNA

      Doppio incontro in mattinata a Pescara con i candidati alla guida della Regione Sostegno all’artigianato...

      Giornata Mondiale dell’Obesità 2024

      Il 4 marzo ricorre la Giornata Mondiale dell'Obesità (World Obesity Day) istituita nel 2015...

      Altre notizie

      L’ASTRONOMIA DI DANTE E LA CONQUISTA DELLA LUNA:DUE INCONTRI DI LETTURA A TERAMO CON MASSIMO CAPACCIOLI

      A Teramo, il 6 marzo alle ore 17:45 presso la Biblioteca regionale “Melchiorre Delfico”...

      Domenico Genovesi nuovo Direttore di Dipartimento Servizi della Asl Lanciano Vasto Chieti

      E’ Domenico Genovesi, noto radioterapista, il nuovo Direttore del Dipartimento Servizi della Asl Lanciano...

      Artigianato, credito, concertazione: domani D’Amico e Marsilio a confronto con la CNA

      Doppio incontro in mattinata a Pescara con i candidati alla guida della Regione Sostegno all’artigianato...