Altro
    Altro
      HomeLibero. Davvero!'L'anno che verrà' di Lucio Dalla e il nostro. "Per riderci sopra,...

      ‘L’anno che verrà’ di Lucio Dalla e il nostro. “Per riderci sopra, per continuare a sperare”

      Pubblicato

      L’anno che verrà – e ce ne sarà uno se avremo fortuna – “porterà una trasformazione e tutti quanti stiamo già aspettando”. L’anno che verrà di Lucio Dalla era ieri, è adesso, sarà il prossimo. Quel successo discografico del 1979, inserito in un album tra i più fortunati, non a caso intitolato proprio Lucio Dalla, e accompagnato da Angeli, Anna e Marco e L’ultima luna, è più di una canzone perché, grazie allo sviluppo solo in apparenza enigmatico del testo, proprio del genio Dalla, ha saputo attraversare le generazioni diventando un insieme di modi di dire e un invito alla riflessione. Il testo della ballata apre e chiude alla speranza, illude e disillude. Inganna, si fa beffa del presente e del futuro, con punte di amarezza che quasi feriscono. “Vedi caro amico cosa si deve inventare per poter riderci sopra, per continuare a sperare”.

      Ci puoi leggere la grande bugia dell’informazione televisiva, allora solo di Stato e dei partiti, ora anche di puro business commerciale: “Ma la televisione ha detto che il nuovo anno porterà una trasformazione. E tutti quanti stiamo già aspettando. Sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno. Ogni Cristo scenderà dalla croce. Anche gli uccelli faranno ritorno. Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno. Anche i muti potranno parlare, mentre i sordi già lo fanno”.

      Dalla, scomparso il primo marzo 2012, scrisse L’anno che verrà nel 1978, in una fase storica drammatica per l’Italia. Il terrorismo, di destra e di sinistra, filo americano quanto filorusso, faceva stragi. La violenza e l’incertezza permeavano la società e si era sempre sull’orlo della catastrofe. Erano gli Anni di piombo. “E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra. E si sta senza parlare per intere settimane. E a quelli che hanno niente da dire, del tempo ne rimane”.

      L’Italia bigotta di quei tempi scherniva e offendeva le diversità sessuali, riducendole a parodie in film dall’immensa stupidità, dove dare del frocio era la massima offesa e le movenze effemminate il modo più semplice e ottuso per farsi una risata da caserma: “E si farà l’amore, ognuno come gli va. Anche i preti potranno sposarsi, ma soltanto a una certa età”.

      Forse forse, la frase più bella della canzone è l’ultima: “L’anno che sta arrivando tra un anno passerà. Io mi sto preparando, è questa la novità”. Prendiamolo in parola e prepariamoci: il 2023, per quanto di merda possa essere, non dovrà trovarci impreparati. In fin dei conti, potrebbe anche succedere che “senza grandi disturbi qualcuno sparirà. Saranno forse i troppo furbi e i cretini di ogni età”. Io avrei un lungo elenco di nomi da proporre. E se l’anno che verrà non mi darà soddisfazione, lo riproporrò al prossimo anno che verrà e a quell’altro ancora. Ce ne sarà più di uno, se avrò fortuna.

      Libero de Foscolo Ortis

      Lucio Dalla, uno dei migliori cantautori italiani di sempre

      Ultimi Articoli

      VASTO, “UN MARE DI BELLEZZA CON EVENTI PER TUTTI I GUSTI E PER TUTTE LE ETÀ”

      Il Concerto per il Solstizio inaugura l’estate vastese. Ricco il calendario di iniziative “La stagione...

      Oggi è il World Rainforest Day

      Nonostante ricoprano meno del 3% del Pianeta, le foreste pluviali ospitano più della metà delle specie...

      La notte di San Giovanni, il Natale d’estate a Borgo Case, Pescara

      La notte di San Giovanni, come la conosciamo oggi, tramandataci dai nostri nonni, ripresa...

      Liste di attesa. Precisazioni della ASL di Pescara e lotta alla disinformazione

      In merito alle notizie apparse sugli organi di stampa (es. “Il Centro” di oggi,...

      Altre notizie

      VASTO, “UN MARE DI BELLEZZA CON EVENTI PER TUTTI I GUSTI E PER TUTTE LE ETÀ”

      Il Concerto per il Solstizio inaugura l’estate vastese. Ricco il calendario di iniziative “La stagione...

      Oggi è il World Rainforest Day

      Nonostante ricoprano meno del 3% del Pianeta, le foreste pluviali ospitano più della metà delle specie...

      La notte di San Giovanni, il Natale d’estate a Borgo Case, Pescara

      La notte di San Giovanni, come la conosciamo oggi, tramandataci dai nostri nonni, ripresa...