Altro
    Altro
      HomeEconomiaExport Emilia Romagna, Reggio in flessione, PARMA CONTIENE LE PERDITE, Piacenza vola

      Export Emilia Romagna, Reggio in flessione, PARMA CONTIENE LE PERDITE, Piacenza vola

      Pubblicato

      Dopo la buona performance mostrata nel 2023, nel primo trimestre del 2024 le esportazioni delle imprese reggiane rallentano bruscamente. A marzo 2024, infatti, il flusso di beni verso l’estero si è attestato a 3.358 milioni, con una diminuzione dell’8,7% che risulta più pesante rispetto a quella ipotizzata in precedenza dalle imprese (-5,5%).

      Le vendite sui mercati internazionali, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio dell’Emilia su dati Istat, registrano un calo sia verso l’area UE a 28 paesi (-11,2%) sia verso l’Europa, che complessivamente registra un -10,5%. In calo, seppure più moderato (-3,8%) anche i paesi extraeuropei.

      A trascinare al ribasso il valore delle esportazioni è, ovviamente, l’industria manifatturiera, che rappresenta il comparto trainante dei flussi verso l’estero; i prodotti delle attività manifatturiere, infatti, scendono dell’8,8%, attestandosi a 3.337 milioni di euro.

      Entrando nel dettaglio dei singoli settori, la domanda estera di manifatturiero reggiano, che rappresenta il 99,3% dell’export di tutta la provincia, nel primo trimestre 2024 ha riguardato soprattutto macchinari ed apparecchi, per un valore di 1.260 milioni di euro, con un calo del 10,3%, seguiti da quelli del comparto tessile-abbigliamento, con 613 milioni di euro ed un -6,8% rispetto a marzo 2023.

      I metalli di base e le produzioni in metallo, con 374 milioni di euro, mostrano una flessione del 17,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre il settore delle materie plastiche, con 332 milioni di euro, scende dell’11,1%.

      Degno di nota, al contrario, il segno positivo del settore alimentare e delle bevande che, con 194 milioni di euro esportati, mostra un incremento del 9,7%.

      Il flusso di beni verso i Paesi europei ammonta complessivamente a 2.411 milioni di euro, pari al 71,8% sul totale dell’export reggiano, mente all’America vanno 521 milioni di euro (il 15,5% di tutte le esportazioni); a seguire l’Asia con 288 milioni di euro (la quota è dell’8,6%), l’Africa con 85 milioni e l’Oceania e altri territori con 53 milioni.

      Nell’area Euro, la Germania continua ad occupare il primo posto tra i Paesi maggiori importatori di “made in Reggio” con un valore pari a 467 milioni di euro (-8,9%), seguita dalla Francia, anch’essa in sensibile calo (-13,4% e valore attestato a a 413 milioni).

      Su scala mondiale – e in una situazione di esteso ribasso dei valori – spicca l’aumento del valore delle esportazioni reggiane verso gli Stati Uniti, con oltre 381 milioni e un incremento del 6,8%. Segno negativo, invece, per il Regno Unito (149 milioni di euro e -27%) e la Cina (65 milioni di euro e-8,5%).

      Situazione in lieve miglioramento, invece, per le industrie parmensi, ancora alle prese con il riallineamento del settore farmaceutico rispetto ai valori pre-covid, ma che proseguono il lento recupero delle esportazioni

      Chiuso il 2023 con un -4% influenzato proprio dalla flessione dei prodotti farmaceutici (-39,6%), il primo trimestre 2024 evidenzia un contenimento del calo complessivo al 2,6% (dato che ha mostrato segno opposto alle aspettative delle imprese), frutto, ancora una volta, della contrazione del chimico-farmaceutico (-20,8%) e della contemporanea e rilevante crescita degli altri comparti, Le esportazioni parmensi si sono così attestate, in valore, a 2.446 milioni di euro.

      Le vendite sui mercati internazionali, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio dell’Emilia su dati Istat, registrano un calo del 5,6% in Europa, mentre mostrano un incremento del 4,3% nei Paesi extraeuropei.

      Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’export delle imprese parmensi si segnalano i prodotti delle attività manifatturiere, per un valore pari a 2.387 milioni di euro, con un calo del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

      Entrando nel dettaglio dei singoli settori, la domanda estera di manifatturiero parmense, che rappresenta il 96,8% dell’export di tutta la provincia, nel primo trimestre 2024 ha riguardato soprattutto prodotti alimentari e tabacchi, per un valore di 738 milioni di euro e un aumento dell’11,3% rispetto al marzo 2023; a seguire, da segnare i macchinari ed apparecchi, con 608 milioni esportati ed un incremento del 9,4% rispetto al primo trimestre dell’anno scorso.

      Segno opposto, come si è detto, per gli articoli farmaceutici, e chimico medicinali che , seppur con un valore di 320 milioni di euro, mostrano un calo del 20,8%.

      Il flusso di beni verso i Paesi europei ammonta complessivamente a 1.649 miliardi di euro, pari al 67% sul totale dell’export parmense; l’America, con 457 milioni di euro, rappresenta il 19%, seguita dall’Asia con una quota del 10% e un valore pari a 236 milioni.

      Nell’area Euro, la Francia si pone come principale interlocutore commerciale, con 342 milioni di euro acquistati (-14,4% rispetto al marzo 2023), mentre su scala mondiale spiccano gli Stati Uniti (oltre 309 milioni di euro nel primo trimestre 2024, con un calo del 4,3% rispetto all’anno precedente) e il Regno Unito, con un valore di esportazioni reggiane che ha raggiunto i 124 milioni ed un incremento del 2,7%.

      Prosegue invece il trend positivo dell’industria piacentina: dopo l’exploit del 2023, anche nel primo trimestre del 2024 hanno continuato a volare le esportazioni delle imprese.

      A marzo 2024, infatti, il flusso di beni verso l’estero è aumentato del 14,2% rispetto allo stesso periodo del 2023 (addirittura un +34% rispetto ai dati 2022), per un valore pari a 1.792  milioni di euro.

      Le vendite sui mercati internazionali, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio dell’Emilia su dati Istat, registrano un aumento sia verso l’area UE a 28 paesi (+10,2%) sia verso l’Europa, che complessivamente registra un +11%; in evidente aumento anche i flussi  verso tutti i paesi extraeuropei, con un +23,9% in valore.

      Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’export delle imprese piacentine si segnalano i prodotti delle attività manifatturiere, per un valore di 1.771 milioni di euro e un aumento (superiore alle stesse previsioni degli imprenditori) del 14,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

      Entrando nel dettaglio dei singoli settori, la domanda estera di manifatturiero piacentino, che rappresenta il 98,8% dell’export di tutta la provincia, nel primo trimestre 2024 ha riguardato soprattutto prodotti del tessile abbigliamento, per un valore di 615 milioni di euro e un aumento del 35,4%; buoni risultati anche per il comparto degli alimentari e tabacchi, con 166 milioni di euro e un incremento dell’11,8% rispetto al marzo 2023, e i computer e apparecchi elettronici, che si sono attestati a 106 milioni, con un incremento del 28,9%.

      In aumento anche i dati relativi ai macchinari, seconda voce nell’export piacentino; in questo caso la crescita è stata dell’1,9%, per un valore complessivo superiore ai 313 milioni di euro.

      In lieve calo, invece, l’export di mezzi di trasporto (116 milioni di euro e -0,9%).

      Il flusso di beni verso i Paesi europei ammonta complessivamente a 1.311 milioni di euro, pari al 73% sul totale dell’export piacentino, mente verso l’America si indirizzano beni per un valore di 112 milioni di euro (il 6% di tutte le esportazioni),  321 milioni di euro si realizzano in Asia (18% sul totale delle esportazioni), 32 milioni di euro all’Africa (e 15 milioni all’Oceania ed altri territori.

      Nell’area Euro, molto evidente la crescita in Francia (+14,7%), che occupa il primo posto tra i Paesi maggiori importatori di “made in Piacenza”, mentre su scala mondiale spiccano il +7,6 della Cina  (oltre 137 milioni di euro esportati nel primo trimestre 2024), il +4,3% degli Stati Uniti (78 milioni di euro) e il +2,3% del Regno Unito, con un valore di esportazioni piacentine che ha raggiunto i 41 milioni.  

      Ultimi Articoli

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...

      “Back to the real world”, lo spettacolo conclusivo della UT Factory

      Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in...

      Altre notizie

      Carenza idrica a Pescara, dura replica di Masci a Pettinari

      PESCARA 20 lug. 2024 – “Il consigliere comunale Domenico Pettinari continua a gettare benzina...

      DANCING MOVIE STARS: IN SCENA A TERAMO “LA NAVE” DI GABRIELLINO D’ANNUNZIO E MARIO RONCORONI

      Teramo 20 luglio 2024 – Lunedì 22 luglio, alle ore 20.45, a Teramo in...

      CGIA: ANCHE NEL 2024 LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO SARANNO IL MOTORE DEL PAESE

      Anche nel 2024 la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto saranno le regioni che...