Altro
    Altro
      HomeRassegna(ta) stampaIn Abruzzo non dire cella se non l’hai nel pacco

      In Abruzzo non dire cella se non l’hai nel pacco

      Pubblicato

      Il titolo del Corriere della Sera solletica la fantasia aprutina

      Ieri, il giornale per antonomasia in Italia, il mitico Corriere della Sera, a proposito della liberazione di Alessia Piperno, la giovane travel blogger che più di un mese fa era stata arrestata a Teheran, ha titolato: “Alessia: l’Iran, la cella, è stata dura“. A prima vista l’abruzzese medio non è rimasto indifferente, nonostante una virgola in particolare abbia evitato il peggio. Il senso in lui, però, è rimasto. E il dubbio è sorto spontaneo: ma, il titolista del “corrierone” poteva pensare che il giornale si vende pure in Abruzzo e che in Abruzzo è marcatamente polisemantico? Capiamoci, usciamo fuor di metafora, quando nella regione “aprutina” si usa il termine cella non si pensa mai alla piccola stanza con l’indispensabile per dormire e lavarsi, destinata a monaci o carcerati come da vocabolario ma, omnia munda mundis, all’organo genitale maschile. Sì, questa eccezione è la più diffusa. Facile anche da spiegare con l’etimo da uccello che, per diffusa consuetudine popolaresca abruzzese di usare il neutro, più comprensivo, evolve in: uccello-cello-cella. Così leggendo e rileggendo in prima la notizia ha telefonato in redazione un amico chiedendo lumi linguistici, semantici sulla vicenda che ci hanno fatto un po’ uscire di strada. A cominciare da Giacomo che ci ha costretto ad una botta e risposta: “Sì, ma ha messo la virgola … Quindi tecnicamente la cosa dura non è riferita alla parola prima…“. “Ma parliamo di abruzzesi…”, “...giusto! Le virgole non contano… gli abruzzesi sono abituati solo ai puntini sulle i…“, “…esatto e gli ortonesi, in ispecie, al sistema metrico decimale… ( dove il riferimento al Rocco internazionale è puramente casuale)“. Poco dopo è intervenuto anche Massimo rincarando la dose: “Giornate intere a pene ed acqua” a cui ha fatto eco Bruno, non senza farci arrossire: “I genitori: “Nostra figlia ha patito pene che ha dovuto sopportare in silenzio. Ha avuto culo e si è salvata” seguito dall’intramontabile ottimismo di Tullio: “Almeno in Iran è dura“. A questo punto, abbiamo fatto una veloce riunione di redazione, scritto queste due righe e bloccati altri commenti, visto che, da un momento all’altro, la cosa poteva avere dimensione maggiori…

      Ultimi Articoli

      Alcuni scatti del Maestro della fotografia Luigi Rossetti

      Il cielo nelle sue luci più suggestive

      Pavind Bike Team, tutto pronto per il Gran Prix Centro Italia MTB

      A Pratola Peligna sabato il 3° Memorial Ranalli, a Roccacasale domenica il 4° Memorial...

      Gli studenti dell’Agrario di Avezzano visitano la Fattoria Di Carlo a Massa d’Albe

      La Fattoria Di Carlo apre le porte agli studenti dell'Istituto per l'agricoltura e l'ambiente...

      Ospedale di Pescara, eccellenza per l’Ortopedia

      Un ulteriore riconoscimento per l’Ospedale di Pescara, che si posiziona ai vertici della classifica...

      Altre notizie

      Alcuni scatti del Maestro della fotografia Luigi Rossetti

      Il cielo nelle sue luci più suggestive

      Pavind Bike Team, tutto pronto per il Gran Prix Centro Italia MTB

      A Pratola Peligna sabato il 3° Memorial Ranalli, a Roccacasale domenica il 4° Memorial...

      Gli studenti dell’Agrario di Avezzano visitano la Fattoria Di Carlo a Massa d’Albe

      La Fattoria Di Carlo apre le porte agli studenti dell'Istituto per l'agricoltura e l'ambiente...