Altro
    Altro
      HomeSpettacoli e TvTorna a Roma il Festival Cinema d’iDEA – International Women’s Film Festival

      Torna a Roma il Festival Cinema d’iDEA – International Women’s Film Festival

      Pubblicato

      Si terrà a Roma dal 16 al 21 giugno presso lo Spazio Scena l’8a edizione del Festival Cinema d’iDEA – International Women’s Film Festival, la manifestazione dedicata al cinema delle donne diretta da Patrizia Fregonese de Filippo, che quest’anno avrà come madrina l’attrice Romina Caruana.Sei giorni di festival, undici film in concorso di cui sette anteprime, cortometraggi, masterclass: questi gli elementi che compongono il ricco programma della manifestazione.Testimonial d’eccezione delle prime due serate è l’attrice e cantante israeliana Mira Anwar Awad, prima cantante di etnia araba a rappresentare lo stato nelle competizione canore e da anni forte attivista per la pace. L’artista, che si esibisce spesso insieme alla cantante israeliana Noa, presenterà l’anteprima del documentario The Other dell’israeliana Joy Sela, un racconto che approfondisce le divisioni e le connessioni fra il popolo israeliano e quello palestinese, offrendo uno sguardo su come si riesca a superare la visione dell’altro come nemico o troppo diverso da sé attraverso l’incontro tra famiglie israeliane e palestinesi, rifugiati, ex combattenti e  parenti che hanno perso i loro cari, ma non hanno perso l’umanità.Ad aprire il festival è però un film irlandese di finzione, Verdigris accompagnato a Roma dalla regista Patricia Kelly, è la storia di un’amicizia tutta al femminile che tratta tematiche importanti come violenza di genere, empowerment, prostituzione giovanile e body shaming.Grande spazio è dedicato al cinema italiano, presente con ben quattro titoli. In anteprima verranno presentati: Io ti conosco di Laura Angiulli, dramma psicologico tra cinema e realtà; Le marocchinate di Damiana Leone, toccante viaggio nella nostra storia a partire dagli episodi di violenza da parte dell’esercito coloniale francese contro la popolazione civile del Basso Lazio del ’44; What We Fight For di Sara Del Dot e Carlotta Marcucci, commovente e spiazzante ritratto di tre donne iraniane che lottano per i proprio diritti. A chiudere la selezione italiana, l’acclamato documentario After the Bridge di Marzia Toscano e Davide Rizzo, che ribalta il punto di vista tradizionale  attraverso il ritratto della madre di un terrorista jihadista, ucciso dopo un conflitto a fuoco con la polizia:  era uno dei responsabili dell’attentato sul London Bridge del 2017 che provocò la morte di otto innocenti.Direttamente dalla Nuova Zelanda arriva il documentario Red Mole: A romance di Annie Goldson, che porta sullo schermo l’appassionante storia della compagnia teatrale Red Mole, nata nell’ambiente della sottocultura neozelandese e poi sbarcata a New York nel 1979.A completare la selezione: l’atteso dramma familiare ceco girato in bianco e nero Heathens di Olga Dabrowska, interpretato da un cast d’eccezione; il doc turco Blue Id di Vuslat Karan e Burcu Melekoglu, sulla lotta per i diritti civili combattuta da una celebre attrice che vuole diventare un uomo; il finlandese Light, Light, Light di Inari Niemi, dolce racconto generazionale sullo sfondo della tragedia di Chernobyl, basato sul romanzo del 2011 dal titolo Valoa Valoa Valoa di Vilja-Tuulia Huotarinen, e magnificamente interpretato da un cast quasi tutto al femminile.Non solo lungometraggi ma anche tanti cortometraggi che saranno intervallati dalla presentazione del libro NI SIPELI: L’amore Libera di Cristina Vignato, la storia vera di un amore vero che va oltre i confini del tempo.Cinema d’iDEA, infatti, è il primo festival internazionale di cinema di Roma dedicato interamente alle registe donne. L’obiettivo è da sempre quello di riequilibrare una grande mancanza nella società: lo sguardo delle donne, appunto. Così, ogni anno, si scoprono nuovi sguardi, persone, storie e territori purtroppo sconosciuti o invisibili.Ospite d’eccezione di quest’anno che chiuderà la manifestazione sarà l’attrice Loretta Rossi Stuart, che annuncerà i vincitori assieme alla direttrice artistica Patrizia Fregonese de Filippo e alla madrina Romina Caruana.La giuria di quest’anno è composta da: Bernadette Luciano, studiosa e docente di fama internazionale di Italian and European Studies presso l’Università di Auckland in Nuova Zelanda; il direttore della fotografia Gianni Mammolotti; la distributrice Claudia Bedogni; la regista, attrice, autrice e pittrice Liliana Paganini; la Presidente delle Women in Film Tv & Media Italia Domizia De RosaNOTE PATRIZIA FREGONESE DE FILIPPO:“Mai come quest’anno stiamo assistendo ad eventi talmente drammatici che speravo non accadessero più.Non posso rimanere zitta davanti a dei crimini così efferati come l’uccisione di persone innocenti e tanti bambini. Il mio cuore soffre e non oso pensare a cosa patiscono le persone che abitano quei territori in guerra. Per questo motivo sono veramente orgogliosa di poter ospitare qui a Roma tante meravigliose donne che lottano per far sentire la loro voce, anche solo realizzando un film. Non è poca cosa. Perché per noi donne è più difficile. Guardatevi intorno…E non è un caso se quest’anno affronteremo tanti temi forti, importanti e drammatici.Ci tengo, però, a sottolineare che in questa edizione, fra tutte le straordinarie artiste, avremo anche la cantante e attrice palestinese Mira Anwar Awad, che oltre ad essere un’incredibile artista e vera attivista per la pace è anche una cara amica. Lei gira il mondo con i suoi concerti insieme a Noa, altra magnifica interprete, per dimostrare insieme che la pace è l’unica via.  Mira presenterà il film della giovane regista israeliana Joy Sela The Other, a cui Mira ha preso parte. Ora è il momento di parlare di pace e non di guerra. Ora è il momento di guardare e vedere ‘l’altro’, le sue sofferenze, il suo punto di vista e condividerlo, anche se diverso dal nostro. C’è sempre spazio per il dialogo, come insegnava Mandela.  Capire è anche amare. Ed ora nel mondo c’è tanto bisogno di amore e comprensione. Spero che con questo Festival riusciremo a dare un po’ più di amore e comprensione a tutte le persone che verranno da noi”

      Ultimi Articoli

      WWF: “G7, confermati gli impegni delle COP su clima ma niente tappe per l’uscita dai combustibili fossili”

      "Il clima era una delle priorità annunciate dalla Presidente Meloni per il G7 italiano, ma...

      Esteri, Ministro Tajani alla Conferenza di alto livello sulla pace in Ucraina a Lucerna

      Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale,...

      Martin Scorsese sceglie la Sicilia per docufilm su antichi naufragi

      Martin Scorsese sceglie la Sicilia per girare un docufilm sui naufragi dell'antichità. Il nuovo...

      MOSTRA: “Vittorio Matino – Divampa colore” Lecce, Fondazione Biscozzi Rimbaud

      Dal 15 giugno al 6 ottobre 2024 la Fondazione Biscozzi | Rimbaud di Lecce presenta la mostra Vittorio Matino –...

      Altre notizie

      WWF: “G7, confermati gli impegni delle COP su clima ma niente tappe per l’uscita dai combustibili fossili”

      "Il clima era una delle priorità annunciate dalla Presidente Meloni per il G7 italiano, ma...

      Esteri, Ministro Tajani alla Conferenza di alto livello sulla pace in Ucraina a Lucerna

      Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale,...

      Martin Scorsese sceglie la Sicilia per docufilm su antichi naufragi

      Martin Scorsese sceglie la Sicilia per girare un docufilm sui naufragi dell'antichità. Il nuovo...