Lorenzo Sospiri su Le Naiadi

0
130

“Sulla situazione del complesso sportivo de Le Naiadi ci sono forse due o tre dettagli che sfuggono alla politica oppositiva di chi si strappa le vesti per le difficoltà della struttura, ma sotto sotto spera nella sua chiusura, non foss’altro per far dispetto al centrodestra. E il primo dettaglio è che la riapertura e l’attività dell’intera struttura sono state rilanciate proprio dal governo regionale Marsilio-Sospiri-Liris, per dirla alla maniera dei pentastellati, ovvero gli stessi che oggi garantiranno la sua riapertura puntuale a settembre per la serenità di lavoratori e fruitori”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri.

“Anche l’allarmismo a oltranza deve avere un limite, e allora facciamo ordine con le date – ha detto il Presidente Sospiri -: obiettivo della Regione e dei nostri uffici è quello di chiudere la gara entro settembre e non certo tra tre mesi e se arriveranno offerte ce la faremo. La Commissione di valutazione delle buste si insedierà il giorno successivo alla scadenza e in pochi giorni arriveremo all’aggiudicazione. Peraltro proprio nella fase dell’aggiudicazione è stata prevista l’esecuzione anticipata per urgenza nelle more della stipula del contratto e dei controlli di legge sull’aggiudicatario. Non solo: gli uffici stanno valutando l’opportunità, la possibilità normativa e la fattibilità del contattare, nelle more della gara, delle associazioni che già nei mesi scorsi avevano manifestato interesse, ma poi alla scadenza del 31 luglio scorso non hanno presentato offerte, per verificare la loro disponibilità ad assorbire un affidamento diretto temporaneo, per garantire l’immediata riapertura e l’operatività del complesso sportivo mentre la Regione definisce le procedure di affidamento da bando. Peraltro sul bando siamo fiduciosi visto che sicuramente non potranno verificarsi le condizioni per un’offerta anomala considerando che come previsto nel bando stesso, le offerte possono essere solo al rialzo e non al ribasso. Sono questi i fatti concreti, i passi certi e le date verificate per garantire prosecuzione alle Naiadi, il resto sono futuribile e ipotetici accadimenti, appunto non la realtà”.