Ex asilo Peter Pan, nessun passo avantiNuovo appello della Asl al Comune: “Resta poco tempo”

0
82

“Non è stato fatto alcun passo avanti sulla vicenda dell’ex asilo Peter Pan, il tempo stringe e la preoccupazione sale”. Così il Direttore generale della Asl Thomas Schael sull’impasse che si è generato e impedisce, dopo diversi mesi, l’acquisizione della struttura di Chieti Scalo per aprire il cantiere e realizzare la Casa di Comunità. 

La vicenda è nota, e verte su un problema strettamente giuridico: l’Azienda sanitaria è pronta ad acquistare l’immobile, che però poggia su un terreno di cui altri rivendicano la proprietà, ragione per la quale la stipula di un atto risulta impossibile. 

“La Asl non può investire soldi pubblici su un bene del quale rischia di perdere il possesso in caso di contenzioso con i soggetti che ne rivendicano la proprietà – aggiunge Schael – e non possiamo compiere alcun passo fin quando siamo esposti alla possibilità di subire la privazione dell’ex asilo senza idonee garanzie da parte del Comune. L’Azienda sanitaria, come chiarito in più occasioni, è pronta ad andare dal notaio già da domani per formalizzare l’acquisto; nel caso il Comune non abbia risolto la questione della proprietà possiamo procedere con l’apertura del cantiere solo a fronte di una fideiussione che garantisca la Asl da un eventuale spossessamento del bene.  I pareri legali che abbiamo acquisito non lasciano aperta la porta ad altre possibilità, come, peraltro, già esplicitato con comunicazione ufficiale al Comune.  Pertanto è tempo di arrivare a una definizione perché diversamente i fondi a disposizione dovremo investirli su altri territori, e Chieti perderà un’occasione preziosa per la sanità territoriale non certo per responsabilità dell’Azienda sanitaria,  che in questa vicenda ha agito fin dal primo momento con correttezza e trasparenza. Lo abbiamo ribadito anche nell’ultima nota inviata al Comune, a cui abbiamo chiesto una soluzione del problema entro il 31 gennaio, senza ulteriori rinvii”.