Del Trecco e Ambiente Spa su secondo step per raccolta differenziata porta a porta nel quartiere Porta Nuova

0
109

“Secondo step, a partire da domani, giovedì 2 novembre, per la messa a regime della raccolta differenziata porta a porta nel quartiere Porta Nuova. A partire dall’alba infatti gli operatori di Ambiente Spa concentreranno la propria azione sulle 36 strade inserite nella cosiddetta macroarea P2, dove verranno rimossi i cassonetti e, la notte stessa, partirà il conferimento e la nuova tipologia di ritiro del pattume. Nei condomini delle stesse vie è già stato concluso un nuovo cassettaggio per ricordare ai residenti di ritirare il proprio kit nelle due postazioni di piazza dei Grue o della stazione ferroviaria di Porta Nuova e ovviamente presteremo grande attenzione alla prima fase di rodaggio. Come sempre la collaborazione dei cittadini è un ingrediente fondamentale per l’avvio dell’operazione, fermo restando che i primi giorni di spaesamento e di un minimo di confusione sono prevedibili e scontati. Il ringraziamento in queste ore va sicuramente ai nostri operatori di Ambiente, a partire dai capiturno, che stanno supportando la cittadinanza in ogni modo, anche con la distribuzione capillare dei vademecum, e stanno garantendo il perfetto ordine delle strade dove, a differenza di singole immagini fotografiche, non ci sono scenari apocalittici di discariche a cielo aperto con buste sparpagliate accanto ai cassonetti”. Lo hanno detto l’assessore all’Ambiente Isabella Del Trecco e il Presidente di Ambiente Spa Ricardo Chiavaroli annunciando la partenza della seconda fase per la differenziata a Porta Nuova.

“Se è vero che una rondine non fa primavera, è altrettanto vero che una busta di rifiuti di vetro lasciata a terra accanto a un cassonetto del vetro vuoto non fa una discarica né rappresenta una ‘montagna di immondizia’ – hanno sottolineato l’assessore Del Trecco e il Presidente Chiavaroli -. Perché è questo che gli operatori di Ambiente stanno trovando durante il servizio di raccolta nelle 52 strade della macroarea P1 dove già sono stati rimossi i cassonetti dal 23 ottobre scorso e dove è già partita la differenziata porta a porta, ovvero casi singoli di due o tre sacchetti lasciati accanto ai vecchi cassonetti del vetro, gli unici che per ora restano in strada in attesa delle nuove 80 campane informatizzate. Fortunatamente non ci sono drammi in atto, non ci sono emergenze e lo dimostreremo la prossima settimana quando inviteremo cittadini e amministratori a un giro congiunto sulle strade interessate dalla maxi-operazione per una verifica da fare insieme. La verità è che molti sottovalutano la preparazione dei cittadini e sopravvalutano la pigrizia di pochi, e poi è evidente che il clima pre-elettorale si comincia a far sentire. Chiacchiere a parte, Comune e Ambiente Spa sono pronti al secondo step sul quartiere Porta Nuova: a partire dall’alba di domani, giovedì 2 novembre, scatterà la rimozione dei grandi cassonetti stradali e la raccolta differenziata sulle 36 strade inserite nella macroarea P2 i cui residenti sono stati nuovamente invitati, tramite cassettaggio, a ritirare il proprio kit con relativa guida al rifiuto consapevole nei due punti di distribuzione, piazza dei Grue e nei locali della stazione di Porta Nuova, aperti al pubblico tutti i giorni, dal lunedì al sabato compreso, dalle 11.30 alle 14.30 e dalle 16 alle 18. A ciascun utente verranno consegnati un mastello da 25 litri con cestino areato all’interno per la raccolta dei rifiuti organici, come gli avanzi di cibo, e 150 buste in materiale biodegradabile; 25 sacchi di carta impermeabile da 80 litri ciascuno per il conferimento della carta; 50 buste di colore giallo da 110 litri l’una per la raccolta di plastica e metallo; 50 buste di colore grigio semitrasparente da 75 litri ciascuna per la raccolta del secco residuo, e queste buste sono dotate di numero seriale associato alla singola utenza; e poi su richiesta forniamo anche 50 buste in plastica profumata da 75 litri per la raccolta di pannoloni e pannolini per chi ne avesse la necessità. Per ritirare il materiale – hanno aggiunto l’assessore Del Trecco e il Presidente Chiavaroli – i cittadini devono presentare la tessera sanitaria dell’utente Tari o una delega con documento-tessera sanitaria, e la delega è allegata al volantino lasciato nelle cassette delle lettere. C’è un po’ di fila nei punti di ritiro che è paradossalmente un segno di buona salute, perché testimonia l’attenzione e la partecipazione dei cittadini. Intanto fino a martedì sera erano 4.700 le utenze che avevano ritirato il proprio kit sugli 8mila utenti presenti nella nostra banca dati, dato in costante aggiornamento”. Le strade su cui da domani, mercoledì 2 novembre, partirà il porta a porta sono: Via Altobelli, Via Carabba, Viale Celommi, Via Chiarini, Via Cola Dell’Amatrice, Via Coppa Zuccari, Via Benedetto Croce, Via Marino Da Caramanico, Via Da Guardiagrele, Via Luca Da Penne, Via Corradino D’ascanio, Via De Berardinis, Via De Nino, Piazza Dei Grue, Via Delfico, Via D’Ortensio, Via Fonzi, Via Guelfi, Via Marconi, Via Masci, Via  Mazzarino, Via Giannina Milli, Via Ramiro Ortiz, Largo Baiocchi, Via Muzio Pansa, Via Pepe (da Via Marconi a Via D’Avalos), Via Polacchi, Via Gabriele Rossetti, Piazza San Camillo De Lellis, Piazza Salvo D’Acquisto, Via Saliceti, Via Sforza, Via Spaventa, Via Francesco Tedesco, Via Tinozzi, Via Valignani. “Infine – hanno aggiunto l’assessore Del Trecco e il Presidente Chiavaroli – in queste ore stiamo lasciando ai cittadini un ulteriore volantino supplementare in cui ricordiamo il calendario per il conferimento dei rifiuti, uno strumento agevole che nei primi tempi le famiglie possono tenere a portata di mano sulle bacheche domestiche, attaccate al frigorifero o sulla credenza, un memorandum giornaliero, ovvero: il lunedì a Porta Nuova verranno ritirati i rifiuti in plastica e lattine, ovvero metallo, che i cittadini dovranno lasciare nelle apposite buste ricevute gratuitamente da Ambiente Spa nel tratto di marciapiede immediatamente limitrofo alla propria abitazione o stabile tra le ore 21 e le ore 24 della domenica sera, ovvero del giorno precedente a quello della raccolta. Ovviamente le buste gialle della plastica e delle lattine, che hanno una capacità di 110 litri, vanno conferite all’esterno quando sono piene, e già questo dettaglio indica che ci sarà inevitabilmente una riduzione dei rifiuti in strada, perché se fino a oggi eravamo abituati a buttare ogni giorno quell’unica bottiglia di plastica prodotta in casa, da questo momento in poi attenderemo di riempire il bustone prima di conferirlo; il martedì verranno ritirati i rifiuti organici nell’apposita busta biodegradabile e il mastello marrone e, per chi ne ha bisogno, pannolini e pannoloni nelle buste rosa (ovviamente da lasciare in strada il lunedì sera); il giovedì verranno ritirati di nuovo i rifiuti organici (da lasciare in strada il mercoledì sera); il venerdì sarà ritirato il secco residuo, ovvero la parte indifferenziata del pattume domestico, da lasciare nelle apposite buste grige distribuite gratuitamente nella sera del giovedì; infine il sabato saranno ritirati di nuovo i rifiuti organici e carta e cartone, quest’ultimo da lasciare nelle buste di carta impermeabili alla pioggia ricevute gratis, buste che hanno una capacità di 80 litri ciascuno e quindi, evidentemente, vanno conferiti solo quando sono pieni. Discorso diverso per il vetro che, per ora, potrà essere gettato negli appositi e classici contenitori stradali, che Ambiente provvederà a svuotare ogni giorno. Importante sottolineare come per i rifiuti organici, ovvero gli avanzi di cibo, che rappresentano la parte più critica del pattume, ovvero quella che potenzialmente emana cattivo odore dunque più insopportabile da tenere in casa, sono previste, come negli altri quartieri, ben tre raccolte ogni settimana, riducendo dunque veramente a zero gli eventuali disagi per i cittadini. Infine a giorni entrerà a regime anche la prima ecoisola che stiamo allestendo in via Pepe, e dove i cittadini potranno conferire in caso di necessità il surplus di rifiuti domestici, ovviamente non gli ingombranti, a fronte di emergenze o necessità”.