La situazione del Mercato Coperto di Via dei Bastioni

0
86

“L’istituzione di un Tavolo Tecnico che veda la presenza della Giunta Comunale, della struttura tecnica del Comune e dell’ufficio legale per individuare le misure utili al rilancio del Mercato Coperto di Via Bastioni. È la necessità emersa nel corso dell’ultima seduta della Commissione Commercio, tesa a fare il punto della situazione in merito alle condizioni in cui versa lo storico Mercato di Portanuova.”. Lo ha detto il Presidente della Commissione Commercio e Attività Produttive Fabrizio Rapposelli ufficializzando l’esito della seduta di Commissione che ha visto la partecipazione del dirigente ai mercati Lanfranco Chiavaroli per esaminare lo stato dell’arte attuale dello storico mercato di Via dei Bastioni.“La situazione – ha spiegato il Presidente Rapposelli – appare delicata e meritevole di una attenzione particolare. Al momento insistono nella struttura 7 box vuoti, troppi se consideriamo l’importanza strategica e commerciale che il Mercato di Via Bastioni ha sempre ricoperto. Parliamo di una struttura che ha sempre rappresentato il cuore pulsante del commercio nella parte sud della città e che da troppi anni stenta a ridecollare, nonostante si siano succeduti progetti di rilancio, di riqualificazione e di risanamento. Oggi la prima urgenza sarebbe quella di rimettere a bando l’assegnazione degli stalli vuoti, ma è evidente che prima di procedere, come ha sottolineato il dirigente Chiavaroli, vanno necessariamente definite le tipologie di attività che sono destinate ad essere ospitate nell’edificio mercatale. Ma soprattutto, ancor prima di procedere al bando esterno, vanno approfondite le tematiche che negli anni precedenti hanno riguardato le ristrutturazioni e gli interventi di manutenzione e restauro: in particolare va chiarito il presunto ‘giallo’ dei precedenti lavori di manutenzione che sembrerebbero bloccati da un contenzioso di cui la struttura tecnica non ha, però, notizie certe. Inoltre – prosegue il Presidente Rapposelli – occorre far luce su due questioni dirimenti: la presenza effettiva di fondi, unita all’assenza di motivi ostativi, e la compatibilità con le altre opere in itinere sviluppate. Per la prima questione vanno interpellati gli architetti Angelo Giuliante ed Enzo Iacomini e l’avvocato Paola Di Marco per tutto ciò che attiene gli aspetti pratico-amministrativi circa il presunto contenzioso aperto con una precedente ditta che avrebbe svolto manutenzione negli anni precedenti; quindi andrà sentito l’ingegnere Marco Polce in riferimento alla disponibilità di fondi per un nuovo progetto di rilancio e di riqualificazione del Mercato e della possibilità di attingere ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Per tale ragione si ritiene fondamentale e strategica l’istituzione di un Tavolo Tecnico che ci consenta di riannodare le fila a partire dal vecchio contenzioso che, secondo gli addetti ai lavori, starebbe di fatto bloccando i nuovi interventi richiesti, necessari per rendere i 7 box vuoti, insieme a tutti gli altri esistenti, più moderni, accessoriati e fruibili sotto ogni punto di vista, oltre che più appetibili in vista di un ipotetico nuovo bando. Peraltro, attraverso il Tavolo, sarà possibile anche chiarire l’ultima iniziativa rivelata dall’assessore Eugenio Seccia circa la presentazione del progetto ‘Pescara MarkUp’, da realizzare proprio nel piano rialzato del Mercato di Via dei Bastioni, destinato a diventare un centro di ricerca sull’energia per la città di Pescara. Tale chiarimento è fondamentale per comprendere la compatibilità di tale scelta con l’attuale destinazione d’uso della struttura già esistente”.