Il consigliere Renzetti (FdI) risponde a Piero Giampietro (PD) su piazza Nilde Iotti

0
191

“Come al solito un Pd poco informato parla senza cognizione di causa” – interviene il Consigliere per il Comune di Pescara Mauro Renzetti (Fratelli d’Italia).

“Apprendo dalla stampa che il capogruppo comunale del Partito Democratico, Piero Giampietro, chiede di fare qualcosa per piazza Nilde Iotti che è diventata, a suo dire, ostaggio di vandali e dunque urgono telecamere e vigilanza: nulla da eccepire visto che questa piazza ha davvero bisogno di maggior attenzione. Peccato però che arriva in ritardo infatti quando il Consigliere dice che ‘sono finora cadute nel vuoto le richieste di installazione delle telecamere: per questo ho chiesto formalmente al Comune, come hanno fatto più volte i cittadini, ed anche al Prefetto, di fare di tutto per dotare la piazza di un sistema di videosorveglianza’ ammette in modo indiretto di non essersi documentato abbastanza visto che tale richiesta è stata avanzata dal sottoscritto esattamente il 31 luglio 2023″.

“In quella data, infatti – prosegue Renzetti – ho fatto una richiesta di convocazione di seduta di commissione al Presidente Commissione Sicurezza e Mobilità ed ho indirizzato al Prefetto di Pescara, il Dott. Giancarlo Di Vincenzo, al Sindaco di Pescara Carlo Masci, all’Assessore alla Sicurezza Adelchi Sulpizio e al Dirigente, il Dott. Paolo Santucci il documento con oggetto: richiesta dispositivi di videosorveglianza in piazza Nilde Iotti“.

“Anche sulle motivazioni, noto con piacere che il capogruppo del Pd conviene con me, infatti lo stesso 31 luglio e non tre giorni fa scrivevo che ‘la piazza, da poco dopo la recente inaugurazione, quotidianamente è soggetto di atti di bullismo e di vandalismo sia sul patrimonio pubblico che sulle attività produttive che insistono in loco. Ed inoltre si fa presente che tale piazza, soprattutto di notte, è oggetto anche di spaccio di sostanze stupefacenti”.

“Naturalmente – conclude Renzetti – mi congratulo con il consigliere Piero Giampietro per l’attenzione nei confronti di Pescara, e sottolineo che quando si parla del bene della Città non è importante chi arriva prima su una questione da risolvere, ma lo invito ad essere più attento alle carte, per non essere troppo ripetitivi, essere “attenti e vigili” su Pescara e su ciò di cui ha bisogno è anche questo”.