Turris-Pescara 2-3

0
75

Quattordicesima giornata del campionato di Serie C, girone C. Nel match del lunedì sera, il Pescara affronta in trasferta la Turris. La gara termina 3-2 in favore degli abruzzesi. Problemi durante il riscaldamento sia per i biancazzurri e sia per i campani. Alberto Colombo deve rinunciare a Plizzari per un problema muscolare, al suo posto, tra i pali, Sommariva. Per cui, consueto 4-3-2-1 con Sommariva tra i pali. Cancellotti, Brosco, Boben e Milani in difesa. Centrocampo a tre con Aloi, Kraja e Mora. Cuppone e Kolaj a supporto di Vergani. Problemi anche per Davide Di Michele, coastretto a rinunciare sia a Santaniello e sia a Maniero, durante il riscaldamento,  di conseguenza, dal primo minuto, Longo. Allora 4-3-3 con Perina in porta. Manzi, Boccia, Frascatore, Contessa a comporre la linea difensiva. Centrocampo con Gallo, Taugourdeau, Haoudi. Tridente offensivo affidato a Giannone, Longo, Leonetti. 

I TEMPO – La cronaca del match parte al minuto 10’ con le proteste della Turris per un gol annullato a Longo per fuorigioco. Secondo i padroni di casa, il passaggio all’attaccante campano sarebbe arrivato da un retropassaggio di Kraja. Il Pescara, però c’è e al 21’ passa in vantaggio. Corner battuto da Aloi, giganteggia Brosco che di testa piazza alle spalle di Perina. Ospiti galvanizzati, al 23’ Vergani si divora il gol del 2-0, su un cross di Aloi che taglia tutta la difesa corallina, super anche Perina ma l’attaccante biancazzurro, sulla linea, spara alto sopra la traversa. Prova la Turris a reagire con un calcio di punizione dai 30 metri battuto da Taugourdeau, bravissimo Sommariva a respingere con le mani aperte e sventare il pericolo. Dopo un minuto di recupero, termina la prima frazione di gioco.

II TEMPO – Nella ripresa al Pescara servono 20 minuti per trovare il gol del raddoppio. Al 66’ calcio di punizione per i biancazzurri, a ridosso della bandierina del corner di destra. Sul pallone si presenta Mora che calcia direttamente in porta, piazzando la palla sotto alla traversa, con l’ausilio di un errore di lettura di Perina. Il Pescara gestisce il vantaggio. La Turris prova a rendersi pericolosa all’83’ con un colpo di testa di Frascatore, sugli sviluppi di un corner, ma la palla esce di poco a lato. Occasione anche per Maniero, all’87’ minuto ma il suo colpo di testa è debole e centrale, facile preda di Sommariva. Ma è il preludio al gol. Minuto 89’ sul cronometro, Giannone batte un corner, Cuppone anticipa tutti e si butta la palla in rete facendosi autogol. Il Delfino reagisce e al 93’ cala il tris. Sponda di Tupta per Gyabuaa, conclusione di prima intenzione dal limite, palla all’angolino. La Turris non muore e dopo 40 secondi trova il gol del 2-3: Ercolano dal limite inventa un tiro a giro che trafigge Sommariva. È l’ultima emozione della gara. Domenica a Pescara ci sarà il Catanzaro. Prima vs seconda con, si spera, record di pubblico all’Adriatico. 

TABELLINO

Marcatori: 21’ Brosco (P); 64’ Mora (P); 89’ autogol di Cuppone; 93’ Gyabuaa (P); 94’ Ercolano (T);

TURRIS (4-3-3) Perina; Manzi, Boccia, Frascatore, Contessa (83’ Ercolano); Gallo, Taugourdeau (71ì Vitiello), Haoudi (66’ Acquadro); Giannone, Longo (66’ Maniero), Leonetti.

A disp.: Fasolino, Donini, Aquino, Di Nunzio, Ardizzone, Primicile, Invernizzi, Nocerino, Stampete, Santaniello.

All. David Di Michele

PESCARA (4-3-2-1) Sommariva; Cancellotti, Brosco, Boben, Milani (72’ De Marino); Aloi (60’ Gyabuaa), Kraja, Mora; Cuppone, Kolaj (60’ Tupta); Vergani (72’ Lescano). 

A disp.: Plizzari, D’Aniello, Ingrosso, Saccani, Palmiero, Germinario, Crecco, D’Aloia, Delle Monache.

All. Alberto Colombo

Arbitro: Mario Saia di Palermo

Assistente1: Giorgio Lazzaroni di Udine

Assistente2: Giorgio Ravera di Lodi

IV Ufficiale: Niccolò Turrini di Firenze

Ammoniti: 12’ Leonetti (T); 27’ Milani (P); 37’ Manzi (T);