Importante studio sullo Streptococcus Pneumoniae presso l’Ospedale di Pescara

0
111

È stato condotto un ampio studio retrospettivo osservazionale che ha analizzato le
Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO) dei tre presidi della Asl di Pescara dal
2015 al 2022 per la valutazione dell’impatto dello Streptococcus Pneumoniae (SP)
sulla popolazione sia in termini di ospedalizzazione che di mortalità
intraospedaliera.
Delle 288.110 SDO analizzate, ben 7.906 (2,7%) sono attribuibili a ospedalizzazioni
relative allo Streptococco Pneumoniae.
Il tasso di ospedalizzazione per polmonite pneumococcica è passato da 290.3 a
241.9 per 100.000 abitanti dal 2015 al 2022, mentre le batteriemie pneumococciche
sono aumentate da 1,5 a 5,3 ogni 100.000 abitanti dal 2015 al 2022. 
La mortalità intraospedaliera dovuta a SP ha riguardato il 21% del campione dei
pazienti ricoverati con patologia pneumococcica accertata.
Tra i fattori associati alla mortalità intraospedaliera, in linea con la letteratura
internazionale, troviamo le età estreme della vita (<5 anni e >80 anni) e diverse
comorbidità prevalenti nella popolazione, tra cui scompenso cardiaco congestizio,
insufficienza renale, epatopatia cronica, pregresso infarto del miocardio.
Lo studio, il primo condotto in Abruzzo, mostra come lo Streptococcus Pneumoniae
contribuisca ad un carico ospedaliero importante nonostante l’esistenza di uno
strumento di prevenzione primaria di comprovata efficacia come la vaccinazione.
Inoltre, mette in evidenza come l’analisi dei flussi sanitari correnti rappresenti un
valido approccio all’analisi epidemiologica per la valutazione dell’impatto diretto
della malattia pneumococcica sui servizi sanitari e dell’impatto indiretto, valutando
l’efficacia delle strategie vaccinali e generando indicatori di confronto utili per la
governance delle stesse.”
Lo studio è stato eseguito sotto la supervisione del Direttore Valterio Fortunato e
con la collaborazione dei medici della Direzione Medica Ospedaliera di Pescara
(Fabrizio Cedrone, Livio Del Duca, Federica Carfagnini), gli specializzandi di
igiene in tirocinio (Vincenzo Montagna, Laura Camplone, Riccardo Mazzocca) e
dr. Giuseppe Di Martino in qualità di ricercatore della Università Gabriele
d’Annunzio.
Lo studio dimostra che Lo Streptococcus Pneumoniae è un patogeno in grado di
contribuire al carico ospedaliero in termini sia di ricoveri che di mortalità
intraospedaliera nonostante l’esistenza di strumenti efficaci di prevenzione
primaria come i vaccini.
Inoltre, dimostra come le Schede di Dimissione Opedaliera (SDO) rappresentino uno
valido e utile strumento epidemiologico in grado di valutare sia l’impatto diretto della

UOS CUP e Comunicazione Istituzionale Aziendale

Via Paolini, 47- 65124 – PESCARA

Palazzina F Ingresso 1 (Palazzo della Direzione Generale)

Tel. 085.425.3203/04/62
E-mail: info.cup@asl.pe.it
comunicazioneistituzionale@asl.pe.it
cup-comunicazioneistituzionale.aslpe@pec.it

malattia pneumococcica sulla popolazione sia, indirettamente, l’efficacia delle strategie
di vaccinazione.