Oggi al via la quinta edizione ‘Festival Dannunziano’ – Vivi, Odi, Balla

0
128

“Prende il via domani (oggi ndr), sabato 2 settembre, la quinta edizione del Festival dannunziano – Vivi, Odi, Balla, dieci giorni di eventi, convegni, dibattiti, incontri, tanto sport, teatro e musica: dai Boomdabash a Carl Brave da Raphael Gualazzi a Nek e Renga, passando attraverso Giordano Bruno Guerri che sarà il filo conduttore di ciascuna giornata, con il teatro di Cristicchi e lo Scudetto Cup che vedrà riunite le squadre Under 15 di Inter, Milan, Juve, Roma, Paris Saint Germaine e Pescara. Un Festival che ha già vissuto le prime cinque giornate di spin off sulla provincia di Chieti a rafforzare il legame del Vate con tutto l’Abruzzo”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri ricordando l’apertura ufficiale domani della quinta edizione del Festival dannunziano, in programma dal 2 al 10 settembre.

“In questi anni abbiamo seguito un filo logico che aveva un fine ultimo: riposizionare Gabriele d’Annunzio nel suo alveo naturale. Per troppo tempo – ha detto il Presidente Sospiri – abbiamo assistito al dibattito su quanto il Vate fosse collegato o meno al fascismo, un dibattito teso solo a mettere in risalto atteggiamenti che nulla avevano a che fare con la sua arte e il suo spessore. Abbiamo lavorato per quattro anni e finalmente oggi d’Annunzio è tornato nel suo alveo, oggi è chiaro a tutti che d’Annunzio è uno dei più grandi intellettuali del ‘900, tant’è vero che a cavallo di Ferragosto c’è stato un video di oltre 2milioni di visualizzazioni in cui Bocelli suona ‘La Vucchella’, nota canzone napoletana, musiche di Tosti e parole di d’Annunzio e lo stesso Bocelli lo definisce come ‘uno dei più grandi poeti italiani’. E per la quinta edizione abbiamo scelto lo slogan ‘Vivi, Odi, Balla’. Anche grazie alla nostra operazione culturale, d’Annunzio è oggi studiato da più di venti università nel mondo, dal Brasile al Regno Unito, con collegamenti artistici infiniti, e infatti presenteremo al Museo Paparella una Mostra sul tema ‘d’Annunzio e i suoi artisti’, con agganci a tutti gli altri musei aperti o riqualificati del capoluogo adriatico. d’Annunzio è stato tanto sport e infatti avremo due grandi eventi sportivi nel Festival, ossia la Regata dannunziana che è vicina alla Barcolana, una delle più importanti gare veliche d’Europa; un torneo di calcio Under 15 Scudetto Cup che vedrà presenti le migliori selezioni Inter, Milan, Juve, Roma, Paris Saint Germaine e Pescara, organizzato con il supporto della Curi Pescara-Folgore, ovvero le città toccate da d’Annunzio. Poi sottolineiamo tutti gli eventi di spettacolo teatrale e i concerti che si legano alla narrazione di d’Annunzio e che sono ripartiti in modo puntuale nel programma. Avremo lo spettacolo Teatrale di Cristicchi che ci racconterà l’esodo dalle terre dell’Adriatico e, tra gli altri appuntamenti, il concerto di Roberto Vecchioni il 7 settembre”.

Il programma di apertura del Festival dannunziano prevede domani, sabato 2 settembre, alle ore 10 Inaugurazione della Mostra Centenario dell’Aeronautica Militare – d’Annunzio Aviatore, allestita nella Sala degli Alambicchi all’Aurum e resterà visitabile, con ingresso gratuito, sino al 10 settembre.

Ore 10 – 13; 15 – 18, Sala d’Annunzio – Aurum, Convegno ‘d’Annunzio e la Poesia del Novecento’, con Giordano Bruno Guerri, Pietro Gibellini, Gianni Oliva, Gianfranca Lavezzi, Valter Boggione, Giulia Raboni, Gianmario Villalta, Silvio Ramat e Giovanni Tesio, ingresso libero

Ore 18 – Museo Paparella Treccia, Inaugurazione Mostra ‘Gabriele d’Annunzio e i suoi artisti’, con Giordano Bruno Guerri e Fabio Benzi, con opere, tra gli altri, di Barbella, Cascella, Castiglioni, Coleman, De Chirico, Donzelli, Michetti, Melandri. La mostra resterà allestita fino al 28 gennaio 2024, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20; il lunedì apertura solo per gruppi e su prenotazione.

Ore 18.15 – Porto turistico – Sede Circolo Velico La Scuffia – Presentazione Regata dannunziana ed esibizione del Coro dell’Università ‘d’Annunzio’ InCanto con 60 elementi per Alzabandiera e Inno d’Italia;

Ore 18.30 – Aurum – Sala d’Annunzio – Spettacolo Gran Ballo dannunziano, a cura della Società di Danza Chieti – Pescara;

Ore 20 – Aurum – Sala Tosti – Presentazione del libro ‘Non è mai troppo tardi per andar più oltre’. La Nave di Gabriele d’Annunzio. Teatro, Lirica e Cinema di Evelina Di Dio, e, alle 20.30, Proiezione de ‘La Nave’ diretto da Gabriellino d’Annunzio, tratto dalla tragedia di Gabriele d’Annunzio, con la presenza di Evelina Di Dio.

Ore 21.30 – Teatro d’Annunzio – Concerto StraMorgan Live – Medit Orchestra diretta da Angelo Valori, conduce la Serata Pino Strabioli.

Angelo Valori & Medit Orchestra feat. Morgan “StraMorgan Live”

Con “StraMorgan”, la trasmissione innovativa recentemente trasmessa con grande successo da RaiDue, Morgan ci ha lanciato in un mondo sublime raccontando la grande musica italiana e i grandi interpreti, creando interessanti parallelismi: Domenico Modugno-Elvis Presley, Umberto Bindi-Freddie Mercury, Franco Battiato-Brian Eno e Lucio Battisti-David Bowie. Con la stessa genialità si esibirà live, sviscerando il senso di ogni brano, di ogni composizione, di ogni nota, di ogni singola parola accompagnandoci per mano nella magia di quelle canzoni rendendoci protagonisti di storie che hanno donato grandi emozioni. La Parola è al centro di questo progetto, insieme alla Musica: Il potere della parola è un concetto che bene si addice a Gabriele D’Annunzio, che delle parole è stato mago, illusionista, profondo utilizzatore e che la parola ha esaltato nella sua multiforme esperienza artistica. Nello stesso tempo, D’Annunzio potrebbe a ragione essere definito, tra le tante altre cose, ideale interprete del Glam, cioè quel modo glamour di vestire ma soprattutto di intendere la vita che ha caratterizzato la sua esistenza e la sua produzione letteraria. Questa produzione originale vuole proporre un ardito connubio tra questi due concetti apparentemente distanti. In particolare, vuole presentare un repertorio basato sul potere della parola, cioè quello di alcuni tra i più illustri Cantautori italiani (Domenico Modugno, Umberto Bindi, Franco Battiato e Lucio Battisti, Morgan, Sergio Endrigo). Dall’altra presenta uno spaccato internazionale basato sulle canzoni di David Bowie, che del Glam è stato interprete internazionale riconosciuto, unendo la magia della parola a quell’eleganza “stravagante” di aspetto che ha contraddistinto la sua figura artistica. Chi poteva al meglio interpretare questa ardita unione tra l’aspetto visivo e vitale del Glam e quello evocativo della Parola? Naturalmente Morgan, il più colto musicista-cantautore italiano dei nostri tempi, profondo esperto ed autentico interprete di tutti e due questi concetti. Nel corso della serata, in compagnia di altri ospiti amici di Angelo Valori & Medit Orchestra, Morgan si esibirà cantando queste celeberrime canzoni, spiegando il senso di ogni brano, di ogni composizione, di ogni nota, di ogni singola parola accompagnandoci per mano nella magia di quelle canzoni rendendoci protagonisti di storie che hanno donato grandi emozioni. Caratteristiche che sono esaltate e nobilitate dagli arrangiamenti per archi di Angelo Valori & Medit Orchestra, che aggiungono alla forma pop delle canzoni la profondità e la stratificazione della visione dell’orchestrazione classica. Ospiti del Concerto sono gli straordinari musicisti del gruppo Le Sagome, che da molti anni accompagnano i concerti di Morgan.