ANCHE IN ABRUZZO L’INIZIATIVA “FIOCCO GIALLO”: IN ARRIVO UN PACCO DONO DI BENVENUTO PER I NUOVI NATI DEI DIPENDENTI

0
205

All’interno del cofanetto, oltre ai prodotti per la cura e l’igiene personale, capi d’abbigliamento e biberon, anche un dispositivo antiabbandono per l’auto per ricordare di tenere alta l’attenzione dei genitori in tutte le situazioni

Fa tappa anche in Abruzzo “Fiocco giallo”, una iniziativa attraverso la quale Poste Italiane intende dare il “Benvenuto” ai nuovi nati e fare gli auguri ai neogenitori.

“Fiocco giallo”, infatti, è rivolto a tutte le neomamme e i neopapà che lavorano in Poste e prevede l’invio di un cofanetto giallo contenente prodotti per l’infanzia di prima qualità necessari per dedicare ai bebè le migliori attenzioni come il classico biberon, alcuni prodotti per la cura e igiene personale e diversi capi d’abbigliamento per i primi mesi.

I dipendenti abruzzesi che ne hanno fatto richiesta stanno già ricevendo il pacco giallo contenente anche l’utilissimo dispositivo antiabbandono per l’auto di mamma e papà,peraltro obbligatorio già dal 1° ottobre 2018.

A pochi giorni dal lancio, sono già molte le richieste pervenute sia per i bambini già nati sia per quelli in arrivo.

Questo progetto è stato pensato come un piccolo contributo di Poste finalizzato a sostenere concretamente le famiglie ma intende essere soprattutto un gesto simbolico per promuovere la natalità e la genitorialità in un periodo storico in cui le nascite in Italia diminuiscono sempre di più.           

L’iniziativa “Fiocco Giallo” si aggiunge ai numerosi programmi pensati da Poste Italiane a sostegno di mamme e papà dipendenti. Fra i tanti progetti, già dal 2022 l’Azienda ha infatti adottato la Policy Sostegno della Genitorialità Attiva all’interno della quale si possono trovare ulteriori conferme mirate a rafforzare le tutele nei confronti della maternità, prevedendo spesso forme di protezione più ampie rispetto a quelle previste dalla legge.

In particolare, durante il congedo di maternità Poste Italiane eroga il 100% della retribuzione per tutti i 5 mesi di astensione dal lavoro, rispetto al pagamento dell’80% previsto dalla legge. Inoltre, alle mamme e ai papà che fruiscono del “congedo parentale” nei primi sei anni di vita del bambino, viene garantito l’80% della retribuzione per i primi due mesi, invece del 30% previsto dalla legge.

Tali iniziative contribuiscono tutte al perseguimento degli obiettivi Esg (Environmental, Social, Governance) a cui si ispira la strategia di Poste Italiane.