Video-arte, il Belisario-Misticoni protagonista di un progetto d’avanguardia

0
218

Domani e giovedì la presentazione con testimonial come Francesco Aber, Roberto Zazzara, Davide Desiderio e Anita Trivelli

Un progetto, “AnimArte”, nato per approfondire e sviluppare con i giovani concetti teorici e pratici legati al mondo dell‘animazione digitale e del cosiddetto compositing video, favorendo lo sviluppo della video-arte attraverso l’approccio con tecniche d’avanguardia: tutto questo per avviare un percorso di formazione di nuovi professionisti in grado di realizzarsi in un campo dalle enormi potenzialità.

Protagonisti di questa singolare iniziativa sono gli studenti del Liceo Artistico Musicale Coreutico “Belisario-Misticoni” (Mibe) di Pescara, che grazie all’apporto di specialisti di livello internazionale saranno al centro di un progetto formativo davvero unico. Il programma del progetto sarà presentato in un workshop in programma domani e dopodomani nell’aula magna dell’istituto diretto da Raffaella Cocco, in via Luigi Einaudi (inizio fissato alle 11): con gli studenti saranno protagonisti del confronto testimonial d’eccezione, professionisti di livello internazionale come Francesco Aber e Roberto Zazzara (domani) e il giorno successivo con il regista Davide Desiderio e la docente universitaria Anita Trivelli.

L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola, promosso da MIC-Ministero della Cultura e MIM-Ministero dell’Istruzione e del Merito e in collaborazione con IMAGO MUSEUM, FONDAZIONE PESCARABRUZZO, CNA, associazione Blumagma, Dipartimento di Lingue dell’università d’Annunzio. e Comune di Pescara: «Andremo ad esplorare nodi fondamentali come l’animazione e la messa in scena in un ambiente digitale, per arrivare alla produzione di cortometraggi di video-arte utilizzando alcune quadri figurativi messi a disposizione dalla Fondazione “Pescarabruzzo”» illustra Stefano Chiavarini, animatore del progetto e presidente di Cna Cinema e Audiovisivo Abruzzo.Tecnicamente, il workshop, che prende il via domani per concludersi l’8 giugno prossimo con un evento pubblico in programma al Cinema Massimo, sarà diviso in cinque moduli, ciascuno dei quali propedeutico alla realizzazione del successivo: partendo da scansioni ad alta risoluzione delle opere d’arte, saranno eseguiti interventi di ritaglio successivo e animazione digitale, che conservando il carattere dell’opera originale la arricchiranno di nuovi aspetti tramite l’utilizzo delle tecniche digitali.

Il progetto, come detto, si avvale di testimonial d’eccezione. Come – nel caso dell’appuntamento di domani – per Francesco Aber, artista e videomaker pescarese, titolare a Barcellona di un grande studio di animazione, che con lo stesso Chiavarini ha fondato l’associazione di cineasti “BluMagma Factory”, vincitrice del Globo d’Oro 2018 con il cortometraggio “Stai Sereno” di Daniele Stocchi. Con lui ci sarà Roberto Zazzara, regista e direttore della fotografia, che nel 2022 ha visto uscire nelle sale il lungometraggio”The Bunker Game”, primo film italiano distribuito sulla piattaforma americana AMC Shudder.