Altro
    Altro
      HomeAttualitàI benzinai scioperano contro le bugie del governo. Il caro carburante è...

      I benzinai scioperano contro le bugie del governo. Il caro carburante è dovuto alle accise e non ai gestori

      Pubblicato

      Il prezzo dei carburanti, condizionato negativamente dalle accise, quindi dalle tasse, sta mandando in tilt l’Italia. I gestori dei distributori hanno annunciato uno sciopero per il 25 e 26 gennaio, con tanto di presidio sotto Montecitorio. L’obiettivo è “porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cercare di ristabilire la verità dei fatti”, annunciano unitariamente Faib-Confesercenti, Fegica, Figisc-Confcommercio, che accusano il governo di aumentare il prezzo dei carburanti, scaricando la responsabilità sui gestori.

      E’ oramai nella memoria collettiva il veemente slancio del leader della Lega Matteo Salvini e della premier Giorgia Meloni, nonché leader di Fratelli d’Italia, contro le accise. Slancio reiterato negli anni, ma infelicemente dimenticato una volta conquistato il bastone del comando. Un voltafaccia che crea imbarazzo in parte della maggioranza e ilarità nelle opposizioni.

      Ultimi Articoli

      Artigianato, un 2022 da incubo per l’Abruzzo: in Italia peggio solo Marche e Molise

      Studio CNA: a picco manifatturiero, trasporti e ristorazione. Bene solo le costruzioni. L’Aquila unica...

      La Asl di Pescara sui medici pensionati richiamati al lavoro fa chiarezza.

      In merito agli articoli apparsi questa mattina, 6 febbraio 2023 – Il Centro pag....

      TURISMO: “CAMMINO DEI MONTI E DEI SANTI” A BIT MILANO E FIERA VICENZA

      Il Cammino dei Monti e dei Santi, itinerario ad anello che parte dalla Basilica...

      Altre notizie

      Artigianato, un 2022 da incubo per l’Abruzzo: in Italia peggio solo Marche e Molise

      Studio CNA: a picco manifatturiero, trasporti e ristorazione. Bene solo le costruzioni. L’Aquila unica...

      La Asl di Pescara sui medici pensionati richiamati al lavoro fa chiarezza.

      In merito agli articoli apparsi questa mattina, 6 febbraio 2023 – Il Centro pag....