Masciarelli: un calice di innovazione e tradizione al Vinitaly 2024

0
396

Di Flavio Di Muzio – Verona, 23 aprile 2024 – Il Vinitaly, fiera leader nel panorama vinicolo internazionale, è sempre stato un crocevia di innovazione e tradizione. Tra gli espositori di quest’anno, Masciarelli si distingue per il suo approccio unico alla viticoltura e alla produzione vinicola. Fondato da Gianni Masciarelli e ora diretto dalla moglie Marina Cvetic, Masciarelli ha costruito la sua reputazione su vini che riflettono profondamente il terroir dell’Abruzzo.

Pionieri dell’Abruzzo

Da quando Gianni Masciarelli iniziò la sua avventura nel 1981, l’azienda ha lavorato con dedizione per elevare il profilo dei vini abruzzesi. Al Vinitaly 2024, Masciarelli ha presentato il suo portfolio che include sia i classici Montepulciano d’Abruzzo che le cuvée più sperimentali. Il vino che ha catturato maggiormente l’attenzione è il Montepulciano d’Abruzzo Riserva, un vino che esprime la complessità del terroir abruzzese grazie a un’affinata tecnica di vinificazione.

Innovazione Sostenibile

Masciarelli non è solo sinonimo di qualità, ma anche di un impegno verso pratiche sostenibili. Quest’anno, l’azienda ha introdotto una nuova tecnica di irrigazione a goccia che minimizza l’uso dell’acqua, rispettando l’ambiente circostante. “L’acqua è una risorsa preziosa, e dobbiamo fare tutto il possibile per conservarla”, ha spiegato Marina Cvetic durante una conferenza sullo sviluppo sostenibile tenutasi al Vinitaly.

Accoglienza e Reazioni

La risposta dei partecipanti al Vinitaly è stata estremamente positiva. Critici del vino e sommelier hanno lodato Masciarelli per il suo impegno nella produzione di vini di alta qualità che non solo rispettano ma esaltano il patrimonio naturale e culturale dell’Abruzzo. In particolare, il Montepulciano d’Abruzzo Riserva è stato descritto come un “vino che parla della terra da cui proviene con ogni sorso”.

Visione Futura

Guardando al futuro, Masciarelli è focalizzata sul rafforzamento della propria presenza sui mercati internazionali. Con piani di espansione e nuove iniziative di marketing, Marina Cvetic è determinata a portare i vini Masciarelli in ogni angolo del mondo, promuovendo non solo il vino ma anche la cultura abruzzese.

Conclusione

Il contributo di Masciarelli al Vinitaly 2024 non è solo una vetrina per i loro vini, ma anche un manifesto della loro filosofia: un equilibrio tra rispetto per la tradizione e adozione di pratiche innovative. Con ogni calice versato, Masciarelli non solo condivide un prodotto, ma racconta la storia di un territorio, di una famiglia e di una passione che continua a guidare la loro visione verso il futuro. Nel panorama del vino globale, Masciarelli si conferma come un simbolo di eccellenza e innovazione.