Esito positivo della visita dell’Assessore Verì all’Ospedale di Pescara

0
439

Nella giornata di ieri, 22 febbraio 2023, l’Assessore alla Salute della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì, ha visitato i reparti della Geriatria, della Medicina Interna ed il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Pescara.

È stata accolta dal Direttore Generale della ASL di Pescara, Vincenzo Ciamponi, dal Direttore Sanitario Antonio Caponetti, dal Direttore dei Presidi Ospedalieri Valterio Fortunato, dal Direttore del Dipartimento delle Medicine Giustino Parruti, dal Direttore del Dipartimento Urgenza Emergenza Leonardo Paloscia, dal Direttore del Dipartimento delle Chirurgie Massimo Basti, dalla Direttrice della UOC Geriatria Rosa Scurti, dal Direttore della UOC Medicina Interna Alessandro Pieri, dalla Direttrice della UOC Medicina e Chirurgia d’Urgenza Tiziana Ferrara. Erano inoltre presenti il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Pescara Maria Assunta Ceccagnoli, la dirigente medico Rosa Maria Di Biagio e l’infermiere coordinatore del 118 Enrico Di Sigismondo.

Nel corso della visita l’Assessore Verì ha espresso ampio apprezzamento per il lavoro svolto nei reparti di Geriatria e Medicina Interna. Non sono emerse, infatti, situazioni di criticità, né condizioni di sovraffollamento, né di carenze nell’erogazione dei servizi. L’Assessore si è dunque complimentata con i Direttori ed il personale medico, infermieristico e sociosanitario per l’eccellente lavoro, nonché con la Direzione Strategica. “I reparti” – ha affermato – “si presentano in modo completamente diverso da come li avevo trovati nel periodo precovid, sia come strutture, sia come attrezzature. Sono lieta di constatare la riorganizzazione avvenuta nei vari setting assistenziali in un periodo particolare come quello attraversato da questo ospedale nel periodo covid con la presa in carico della nuova patologia”.

Per quanto concerne il Pronto Soccorso, le cui criticità sono in linea con il ben noto problema di carattere nazionale, l’Assessore ha avuto modo di constatare il persistere di gravi difficoltà legate all’iperafflusso di pazienti, per la cui risoluzione è stato intrapreso un tavolo di lavoro che coinvolge non solo la Direzione della ASL, la Direttrice del Pronto Soccorso, i Dirigenti medici dello staff della Direzione, ma anche i Medici di Medicina Generale.

I motivi dell’iperafflusso sono in parte legati alla mancanza di sufficienti filtri nel territorio. I pazienti, e non solo i cittadini pescaresi, riconoscono il Pronto Soccorso di Pescara quale punto di riferimento. Su questo aspetto andrà ad incidere l’unificazione del 118 Pescara – Chieti, che migliorerà la distribuzione dei pazienti presso i diversi Pronto Soccorso.

La ASL, d’altronde, sta attuando quanto previsto nel DGR n. 369 del 11/07/2022 “Linee di indirizzo per la gestione del sovraffollamento nelle strutture di Pronto Soccorso” e sta favorendo il flusso dei pazienti dal Pronto Soccorso ai reparti di degenza e quindi alle strutture di accoglienza del territorio.

Una delle criticità oggettive individuate è infatti il cosiddetto “boarding”, ovvero la permanenza dei pazienti in Pronto Soccorso in lunga sosta, superiore a 24 ore. A tal fine si stanno cercando accordi con i Direttori dei reparti dell’Ospedale e si stanno potenziando i reparti di lungodegenza e le Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA). La Direzione Strategica ha infine informato l’Assessore Verì che è imminente l’apertura di un reparto di lungodegenza di 20 posti presso l’Ospedale di Penne ed il potenziamento con ulteriori 20 posti nella RSA di Tocco da Casauria.