Altro
    Altro
      HomeSportSanchez è il re delle strade bianche del Giro

      Sanchez è il re delle strade bianche del Giro

      Pubblicato

      di Davide Pitocco

      Oggi, questa sesta tappa con partenza da Torre del Lago Puccini e arrivo a Rapolano dopo 180 km, si presenta almeno sulla carta impegnativa perché caratterizzata da tre settori sterrati, per un totale di quasi 12 km. I primi due in comune con la Strade Bianche, il terzo di Pievina è inedito. Da segnalare a circa 5 km dall’arrivo l’impegnativo strappo di Serre di Rapolano che presenta nel finale pendenze fino al 20%. Retta finale di 450 metri su asfalto e pendenza attorno al 6%.
      Mario, incontrato al foglio firme, ci racconta qualcosa di divertente.
      “ Ieri avevo portato un vassoio di focacce genovesi a diverse squadre, tra queste la UAE, e sapete chi è stato uno dei migliori estimatori di quelle prelibatezze, proprio il nostro Pogacar, la maglia rosa. Ne era ghiotto.”
      Infatti lo stesso atleta è stato taggato su Instagram con il nomignolo di Focacciar.
      Oggi il corridore della UAE è il favorito e al riguardo lo stesso Pietrobon, dopo la beffa di ieri, ha detto: “ Pogacar è il favorito, ma anche altri punteranno alla vittoria di tappa. Ci potrebbe essere anche spazio per una fuga con Alaphilippe dentro, e magari potrei esserci io stesso. Ieri ho fatto fatica, ci ho creduto fino alla fine, ma Thomas è stato più forte. Il Giro è ancora lungo e saprò ritagliarmi il mio spazio.”
      Il vincitore di ieri invece mette le mani avanti: “ Non sono un campione da strada, ma ho avuto la mia giornata. E’ un successo speciale, una vittoria al Giro la sognavo, ma mai l’avrei immaginata. A volte bisogna rischiare ed è andata bene. Si vede che doveva andare così. Domani non so, il percorso non è molto adatto alle mie caratteristiche, ma se dovesse presentarsi l’occasione giusta cercherò di prenderla.”
      Il nostro Mario ha una sua personale opinione: “ Gli uomini di classifica oggi dovranno fare molta attenzione. A parte che ogni tappa può nascondere un’insidia, ma oggi qualcuno potrebbe pagare qualcosa e noi staremo a vedere.”
      Gli abbiamo domandato per chi tifasse e ci ha risposto: “ A fine Giro lo rivelerò.”
      La tappa ha inizio e subito il nervosismo serpeggia tra gli atleti. Scatti e controscatti per allungare sul gruppo, ma fino ad ora ogni tentativo viene annichilito. Dopo la dormita fatale di ieri il plotone vigila attentamente su tutti i probabili attaccanti. Un terzetto, tra cui Alaphilippe, guadagna qualche centinaio di metri. Da dietro però anche questa volta non concedono nulla. Anche sulla salita in pavé di Volterra il copione non cambia: in tanti ci provano, ma l’alta andatura del gruppo non consente a nessuno di prendere la fuga giusta. Ci provano di nuovo Alaphilippe, Sanchez e Groves, a cui si accodano Trentin, Plapp e Fiorelli a Casole d’Elsa. Con cambi regolari riescono a strappare un vantaggio di circa 70’’, ma gli sterrati devono ancora arrivare. Il primo di essi è posto a 45 km dall’arrivo. Solo ora il gruppo si rilassa, si idrata e mangia, dopo una prima metà di gara a tutta. Oggi chi è in fuga ha una bella gamba.
      Nel momento in cui i sei battistrada riescono a guadagnare 2’47’’ sul gruppo, Plapp diventa maglia rosa virtuale. Sullo sterrato, oltre la grande nuvola di polvere bianca, alzata dalle ruote, si impenna anche il ritmo e i fuggitivi si vedono subito rosicchiare in pochissimi chilometri secondi su secondi. Nell’ultimo sterrato di Pievina in fuga rimangono solo in tre, Alaphilippe, Sanchez e Plapp con 1’30’’ di vantaggio, evidentemente Pogacar vuole conservare il simbolo del primato. Purtroppo si deve segnalare la caduta di Caruso. Alla rotonda di Asciano Sanchez stringe troppo la curva, rallentando la marcia del campione francese, permettendo l’allungo di Plapp. Il vento contrario in questi ultimi 10 km è un temibile avversario per i battistrada, che per ora mantengono 1’07’’ di vantaggio. Sullo strappo di Serre Plapp fatica a rimanere incollato alla ruota dei compagni di fuga, ma stringe i denti. Bardet allunga sul gruppo, ma Pogacar non si lascia sorprendere. I tre al comando aumentano il vantaggio di qualche secondo, perché dietro non ci sono stati veri e propri attacchi, evidentemente i big stanno mantenendo la gamba per la cronometro. Ogni scatto di Sanchez viene ricucito da Alaphilippe, che è consapevole di essere il più veloce in un arrivo in volata. Negli ultimi 400 mt parte la volata: il francese allunga, ma Sanchez mantiene la ruota e con un balzo, quasi felino, taglia per primo il traguardo.
      Plapp ha dichiarato all’arrivo: “ Sono felice, anche se è mancata la vittoria, ma la giornata è stata incredibile. Ho vissuto da protagonista una tappa spettacolare.”
      Sanchez scuote ancora la testa incredulo: “ Ancora non ci credo. Sono senza parole. Per me oggi è una sensazione bellissima. Arrivare per primo in una tappa come questa. La corsa è stata senza respiro, la fuga ha faticato a prendere corpo. La mia audacia è stata premiata. Ho vinto poco in carriera, ma che vittoria questa! Ho vinto su un campione, Alaphilippe, che è anche il mio idolo.”
      Pogacar ancora maglia rosa.

      Ultimi Articoli

      Giro, Ganna un razzo a cronometro

      di Davide Pitocco La cronometro di oggi è di media distanza su un tracciato piuttosto...

      PESCARA, DOMANI NONA “MARATONINA” DEL MARE

      “Sono 1.500 gli atleti che domani, domenica 19 maggio, prenderanno parte alla nona edizione...

      “IL MAGGIO DEI LIBRI”: DOMANI, “NOTE VERSO L’ESTATE”

      ASSESSORATO ALLA CULTURA e PATRIMONIO “Sarà domani la Sala d’Annunzio dell’Aurum a ospitare ‘Note verso...

      PETTINARI PRESENTA LA SUA SQUADRA

      "Abbiamo scelto i nostri candidati in tutti i comparti della società civile - sottolinea...

      Altre notizie

      Giro, Ganna un razzo a cronometro

      di Davide Pitocco La cronometro di oggi è di media distanza su un tracciato piuttosto...

      PESCARA, DOMANI NONA “MARATONINA” DEL MARE

      “Sono 1.500 gli atleti che domani, domenica 19 maggio, prenderanno parte alla nona edizione...

      “IL MAGGIO DEI LIBRI”: DOMANI, “NOTE VERSO L’ESTATE”

      ASSESSORATO ALLA CULTURA e PATRIMONIO “Sarà domani la Sala d’Annunzio dell’Aurum a ospitare ‘Note verso...